Master del Sangiovese 2017. Chi è Marco Casadei, il forlivese che ha conquistato il podio

È forlivese il Master del Sangiovese 2017, Marco Casadei riporta il titolo in Romagna dopo quattro anni, battendo Massimo Tortora e Artur Vaso, rispettivamente, secondo e terzo posto.

Master del Sangiovese 2017, chi è Marco Casadei

Marco Casadei in una delle prove del Master del Sangiovese 2017.

Il 19 febbraio a Faenza, presso il Museo Internazionale delle Ceramiche, è andata in scena la sedicesima edizione del Trofeo Consorzio Vini di Romagna – Master del Sangiovese 2017, nell’ambito della due giorni di “Vini ad Arte”.

Ad aggiudicarsi l’ambito trofeo è stato il sommelier forlivese Marco Casadei, che ha conquistato il podio battendo Massimo Tortora di Livorno e il bresciano Artur Vaso, rispettivamente secondo e terzo posto. La soddisfazione del vincitore è stata accresciuta dall’orgoglio di aver riportato il titolo di “Ambasciatore del Sangiovese” nella sua Romagna, dove mancava dal 2013 con la vittoria della lughese Annalisa Linguerri.

I tre finalisti sono arrivati in finale sbaragliando un’aggerrita concorrenza di una decina di sommelier provenienti da Lombardia, Veneto, Toscana ed Emilia Romagna, battuti alle prove scritte, sostenute nella mattina del 19 febbraio. Di sera, i sommelier si sono sfidati su prove molto impegnative, davanti ad un pubblico numeroso e interessato al loro talento. La giuria ha valutato la preparazione globale dei concorrenti con sfide così articolate:

  • degustazione di due vini Sangiovese con riconoscimento;
  • abbinamento a un menù di vini Sangiovese (romagnoli, italiani ed esteri);
  • accoglienza e presa della comanda;
  • prova di comunicazione su personaggi, etichette e territori del Sangiovese;
  • decantazione e servizio di un vino.

Master del Sangiovese 2017, chi è Marco Casadei?

Marco Casadei è un giovane sommelier nato nel 1985 che vanta già una notevole esperienza e ottimi mposizionamenti in altri concorsi enologici:

  • 3° classificato al Master del Friulano: Trofeo Miglior Sommelier dei vini del Friuli Venezia Giulia (2014)
  • 1° classificato al Master del Friulano: Trofeo Miglior Sommelier dei vini del Friuli Venezia Giulia (2016)
  • finalista, nel 2016 al Miglior Sommelier d’Italia.

Il titolo di “Master 2017 – Ambasciatore del Sangiovese”, ha portato a Marco Casadei sia il trofeo che una somma di 2.500 euro. In alternativa potrà richiedere d’intraprendere un’interessante esperienza professionale, volando a Los Angeles per partecipare, tra l’altro, al corso Master of Sangiovese tenuto dalla North American Sommelier Association (N.A.S.A).

Master del Sangiovese 2017, chi è Marco Casadei

I primi 3 classificati: Marco Casadei (primo), Massimo Tortora (secondo) e Artur Vaso (terzo).

La giuria del Master del Sangiovese 2017

Il concorso è stato organizzato dal Consorzio Vini di Romagna e dall’A.I.S. – Associazione Italiana Sommelier, col patrocinio di Enoteca Regionale Emilia Romagna e di North American Sommelier Association (N.A.S.A.). I finalisti sono stati giudicati da una giuria altamente qualificata formata, tra gli altri, da:

  • Antonello Maietta, Presidente A.I.S. Nazionale
  • Giordano Zinzani, Presidente Consorzio Vini di Romagna
  • Roberto Giorgini, Presidente A.I.S. Romagna
  • Pierluigi Zama, Presidente Assoenologi Romagna
  • Simone Vergamini, vincitore dell’edizione 2016 del Master del Sangiovese
  • Luisito Perazzo, responsabile dei concorsi nazionali A.I.S..
Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Vivo a Bologna dal 1999 ma con "La Grassa" non è stato amore a prima vista. Abbiamo iniziato come amici e, lentamente, mi sono innamorato della sua cucina, dei prodotti tipici, della sua creatività mista ad anticonformismo. Ho una laurea in Economia aziendale, mi piace leggere, scoprire e raccontare storie, mondi e persone anche molto diverse da me. Appassionato di web marketing e comunicazione, scrivo di teatro, spettacolo, musica e tv anche se, attualmente, l'enogastronomia occupa gran parte del mio tempo libero.

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 21 febbraio 2017

Ti potrebbero interessare: