Eventi Puglia

A Bari, un seminario esclusivo sui grandi vini di Bordeaux organizzato da AIS

Il 29 novembre alle 19,30, presso il Palace Hotel di Bari, il prof. Luigi Moio sarà relatore di un interessante incontro dedicato ai prestigiosi bordolesi tra conoscenza e degustazioni

La delegazione di Bari dell’Ais (Associazione Italiana Sommelier) chiude il ciclo di eventi del 2019 con una bellissima degustazione dedicata a Bordeaux e ai suoi rossi dalla qualità ampiamente riconosciuta.

L’appuntamento è per venerdì 29 novembre alle 19,30, presso il Palace Hotel di Bari dove si svolge un seminario intitolato “L’identità olfattiva dei grandi vini rossi di Bordeaux”. Relatore di eccezione di questo appuntamento di formazione e approfondimento, aperto sia agli addetti che a semplici appassionati, è Luigi Moio, ordinario di Enologia presso il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Si tratta di un grande esperto in materia a cui ha dedicato circa 200 pubblicazioni scientifiche che hanno contribuito alla valorizzazione di numerosi vitigni autoctoni.

Prof. Luigi Moio, il relatore del seminario

Specializzato al Laboratoire de Recherches sur les Arômes dell’Institut National de La Recherches Agronomique di Dijon, in Borgogna, Luigi Moio è stato nominato nel 1998 esperto scientifico per il Ministero delle Politiche Agricole per la commissione Enologia presso l’OIV (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin) con sede a Parigi, e nel 2015 ne è stato eletto Presidente. Tra i suoi studi vanno ricordati quelli sulla chimica degli odori del vino e gli approfondimenti sulle tecnologie enologiche per conservare l’aroma varietale.

Bordeaux e i suoi vini rosso rubino

Bordeaux è una regione nella zona sud occidentale della Francia, particolarmente rinomata per i suoi vini di eccellente qualità, i cui prezzi raggiungono cifre vertiginose. Le ragioni di una tradizione enologica che ha fatto storia e scuola in tutto il mondo, sono legate ad un terroir eterogeneo e particolarmente vocato alla viticoltura grazie anche a peculiari condizioni pedoclimatiche.

Conoscere questi vini che hanno una storia di oltre duemila anni, è assolutamente un’esperienza da non perdere soprattutto perché la serata sarà accompagnata da un relatore di elevata esperienza che accompagnerà il pubblico in degustazione esclusive.

Ma il professor Moio non solo aiuterà nell’analisi sensoriale delle annate 2015 e 2016 di vini bordolesi di prestigiose cantine francesi ma illustrerà anche le differenti aree di Bordeaux con le loro caratteristiche e specificità.

In degustazione vi saranno ben 14 vini di alto profilo provenienti da alcune delle zone più interessanti della regione bordolese (Margaux, Julien, Pauillac, Estephe, Graves, Emilion, Pomerol): “Château Giscours”, “Château D’Issan”, “Château Beychevelle”, “Château Du Glana”, “Château Pichon Longueville Baron”, “Château Lynch Bages”, “Château Tour De Pez”, “Château Phelan-Ségu”, “Château Bouscaut”, “Grand Enclos du Château de Cerons”, “Château Fonroque”, “Château Pavie Macquin”, “Château Clinet”, “Château Saint Jacques”.

Per informazioni e prenotazioni 347 9362671.

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità