Contorni e Finger Food

Panelle siciliane: semplicità e piacere di uno street food

Le famose frittelle di ceci palermitane vantano una lunga storia e, nonostante l’aggiunta di alcune varianti, restano una tappa golosa per tutti i buongustai in giro per la città

Cosa sono le panelle palermitane
Muffoletta con le panelle (Foto © Ambra Cusimano).

Per chi è nato e cresciuto a Palermo le panelle sono un’istituzione ma sono anche una delle specialità locali che ogni turista gusta quando visita lo splendido capoluogo di regione; prima di ripartire, tutti comprano la farina di ceci per poterle replicare a casa.

Il ruolo dei “panellari” è sempre stato quello di stimolare l’appetito ed entusiasmare, con le loro frittelle a base di farina di ceci e acqua, la popolazione palermitana ma ne sono rimasti ammaliati anche personaggi illustri come Luigi Pirandello, Renato Guttuso e Leonardo Sciascia.

Storia delle panelle

La storia delle panelle è molto antica e risale al periodo della dominazione araba, tra il IX e l’XI secolo. Oltre agli arabi, che le cuocevano sul fuoco, anche Romani e greci consumavano questa “polenta” probabilmente cotta su pietra e all’interno di forni verticali, gli stessi utilizzati per cuocere il pane di forma piatta. L’impasto veniva versato e livellato su un piano di marmo e, in seguito, tagliato in tanti rettangoli di medie dimensioni.

È possibile che siano stati i francesi a introdurre la frittura, nel tardo Medioevo durante il periodo angioino, ma nel corso dei secoli la ricetta ha subìto altre modifiche ed è stata perfezionata con l’aggiunta di aromi vari.

Lo street food siciliano: veloce, aromatico e accessibile

Protagoniste indiscusse dello street food siciliano, insieme alle arancine, le panelle più comuni vengono insaporite semplicemente con sale e prezzemolo tritato fresco ma una variante largamente apprezzata lo vede sostituito con semi di finocchietto selvatico.

Nelle strade di Palermo i “panellari”, con il loro furgoncino adibito a friggitoria, fanno parte del paesaggio urbano e attirano le persone con il profumo della cottura praticata in grandi casseruole colme d’olio. Le panelle, impilate una sull’altra, passano dall’olio bollente alla salatura, per poi essere consegnate ai buongustai, magari come farcitura di mafalde o muffolette, rigorosamente cosparse con “cimino” (semi di sesamo).

Panellaro o venditore di panelle
Un Panellaro, il tipico furgoncino ambulante che prepara e serve panelle (Foto © Ambra Cusimano). 

I buoni intenditori e golosi, all’interno del panino con le panelle, fanno aggiungere le crocché di patate, un altro cibo tipico siciliano; altri ancora, apprezzano sulle panelle una spruzzata di succo di limone fresco. Dai rimasugli degli impasti di panelle e crocchè nasce la “rascatura”, un composto che viene a sua volta fritto e che qassore i sapori di ceci, patate e prezzemolo.

Una variante dolce delle panelle si prepara il 13 dicembre, durante la festa di Santa Lucia, quando le frittelle vengono riempite di crema gialla e zeste d’ arancia.

Muffoletta con panelle siciliane
Panelle e crocchè all’interno di un panino (Foto © Ambra Cusimano). 
 
Dosi:
8 persone
Difficoltà:
Facile
Costo:
Basso
Tempo:

30 minuti

Tempo Cottura:

5 minuti

 
 
Piatto
vegano
Gluten
Free
Dosi:
8 persone
Difficoltà:
Facile
Costo:
Basso
Tempo:

30 minuti

Tempo Cottura:

5 minuti

Piatto
vegano
Gluten
Free
  • 500 gr di farina di ceci
  • 1,5 litri acqua
  • sale e pepe
  • prezzemolo tritato o finocchietteo selvatico
  • olio di semi di arachide per la frittura

  1. In una casseruola versare la farina di ceci setacciata. Aggiungere l’acqua gradualmente, mescolando con una frusta fino ad ottenere una crema priva di grumi . Salare e portare ad ebollizione a fiamma bassa per mezz’ora
  2. Unire il pepe e il prezzemolo tritato, oppure il finocchietto selvatico
  3. Stendere il composto su un piano di lavoro e livellarlo per ottenere un’altezza uniforme di circa 3-5 millimetri al massimo. Lasciar raffreddare
    Tagliare le panelle in rettangoli e friggerle in abbondante olio di semi e servirle calde. 
Cosa sono le panelle? Storia e ricetta delle frittelle siciliane
Impasto raffreddato e affettato, pronto per la frittura (Foto © Ambra Cusimano). 
© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Ambra Cusimano

Ambra Cusimano

Siciliana figlia del mondo. Curiosità, la mia parola preferita in assoluto. Laureata in Relazioni internazionali e diplomatiche all’Università di Bologna, sto ultimando un Master in Food and Wine Management. Di tanto in tanto cucino e considero la tavola il luogo migliore per socializzare e condividere. Amo viaggiare poiché in ogni luogo c’è qualcosa da scoprire, di cui innamorarsi e soprattutto qualcosa di buono da gustare.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità