Emilia-Romagna Eventi

Albana Dèi 2020, l’ottava edizione parte l’11 ottobre

A Bertinoro, Mercato Saraceno, Faenza, Brisighella e Dozza sarà possibile degustare le ultime annate e il pubblico potrà votare il proprio vino preferito.

Albana Dèi 2020: tutte le novità
L’Albana Dèi 2020 parte l’11 ottobre a Bertinoro (Foto © Canva).

L’ottava edizione dell’Albana Dèi, dopo il rinvio rispetto alla consueta collocazione di maggio-giugno, parte il 11 ottobre a Bertinoro (FC) in piazza della Libertà. L’evento, preceduto sabato 10 dal convegno “L’Albana è già realtà. Storia, leggenda e visione, in un calice divino”, è sempre organizzato dal Consorzio Vini di Romagna e punta a valorizzare e promuovere uno dei vini simbolo della Romagna.

Albana Dèi 2020: date e località

Ideato e curato da Carlo Catani e Andrea Spada, l’Albana Dèi 2020 si conferma una manifestazione itinerante che toccherà alcuni dei borghi più belli della Romagna. L’inaugurazione  si terrà a Bertinoro alle 15.00 nell’ambito dell’evento “Vino al Vino” e lo stesso giorno proporrà anche il “Master Romagna Albana”, concorso enologico riservato ai Sommelier AIS.

Le tappe successive si svolgeranno a a Mercato Saraceno in piazza Mazzini, alla Torre di Oriolo dei Fichi, a Faenza, a Brisighella nella terrazza ex Ristorante Gigiolè, alla Rocca Sforzesca di Dozza (date ancora da definire). L’appuntamento con le premiazioni delle Albana più votate dalle varie giurie popolari dovrebbe collocarsi agli inizi di dicembre.

Le degustazioni di Albana e le novità

Grappoli di Albana
Grappoli di Albana (Foto © Consorzio Vini di Romagna).

In tutte le location sarà presente un banco d’assaggio per dar modo al pubblico di degustare e apprezzare i sette vini finalisti dell’Albana Dèi. Questi ultimi saranno selezionati “alla cieca” da una giuria tecnica composta da importanti critici delle principali guide dei vini e sommelier, che si riuniranno il 10 ottobre.

Il responso della giuria tecnica andrà ad assegnare il premio alle migliori Romagna Albana DOP di tipologia secco; il pubblico sarà, invece, chiamato ad assaggiare e votare i vini finalisti per eleggere “L’Indigeno del Cuore” – premio Valter Dal Pane e votare anche altri vini ottenuti, però, sempre da sole uva Albana tipologia secco,

Novità di questa edizione 2020 dell’Albana Dèi è il coinvolgimento diretto anche dei ristoranti, perché l’abbinamento cibo-vino è un connubio imprescindibile per la valorizzazione delle nostre eccellenze.

Le sette Albana finaliste del concorso saranno disponibili anche nei ristoranti che aderiranno all’iniziativa. I clienti dei locali saranno chiamati a esprimere le proprie preferenze che si andranno a sommare con i giudizi della giuria popolare e della giuria tecnica per stilare la classifica finale.

Questi appuntamenti annuali sono l’occasione per il Consorzio Vini di Romagna per fare il punto su quello che è il vitigno più identitario della Romagna, nell’intento di diffonderne la cultura affermandone la straordinarietà e il carattere distintivo, nella ricchezza d’interpretazioni dei produttori romagnoli.

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità