Eventi Piemonte

Festival del Giornalismo alimentare: la nuova edizione slitta a settembre

Un’ulteriore modifica delle date per il più importante evento italiano sulla comunicazione enogastronomica. Dopo aver rinunciato alla collocazione consueta di febbraio e fissato l’inizio a giugno, una nuova comunicazione annuncia il varo del festival a settembre

Festival del Giornalismo Alimentare 2021: perché è stato spostato
Il Festival del Giornalismo Alimentare si terrà dal 17 al 19 giugno (Foto © Canva). 

Il Festival internazionale del giornalismo alimentare 2021 si svolgerà a Torino dal 23 al 25 settembre. È la comunicazione giunta in data odierna dagli organizzatori dell’evento piemontese i quali hanno ritenuto di rinunciare anche al periodo 17-19 giugno, precedentemente fissato. 

«Abbiamo pensato che settembre fosse il momento migliore – spiega Massimiliano Borgia, direttore del Festival del Giornalismo Alimentare – È normalmente il mese della ripartenza, quando inizia il vero anno lavorativo e quando progettiamo il nostro futuro. In questo 2021 sospeso tra i mesi più duri del 2020 e la speranza nei vaccini, la prossima estate rappresenterà una prova decisiva e ritengo che sarà proprio da settembre che si tornerà a ragionare seriamente di ripartenza e di futuro dopo il Covid».

La decisione non ci coglie completamente di sorpresa. Da un lato, infatti, la campagna di vaccinazione in Italia ha subito dei ritardi per l’approvvigionamento dei farmaci e dall’altro sono gli stessi scienziati che raccomandano ancora la massima prudenza. Non sarebbe, pertanto, una situazione serena dal momento che, seppure con tutte le precauzioni, il Festival del giornalismo porta all’aggregazione sotto lo stesso tetto di una vasta platea di giornalisti, comunicatori, aziende, foodblogger e influencer, professionisti della sicurezza alimentare, chef, rappresentanti di associazioni e delle Istituzioni.

Festival del Giornalismo Alimentare 2021: “Il mondo nuovo del cibo”

Il tema centrale di questa sesta edizione sarà “Il mondo nuovo del cibo”, per convogliare la riflessione di tutti coloro che portano avanti l’informazione enogastronomica sulle evoluzioni e le trasformazioni che hanno investito e investiranno i professionisti del settore alimentare a seguito dell’epidemia mondiale da Covid-19. Ma è anche un festival dedicato alle esigenze di informazione delle persone che avranno cambiato stili di vita, scelte di consumo, interessi; alle opportunità di comunicazione delle aziende che stanno cambiando tipologie di prodotti e modalità di vendita; alle
necessità degli enti e delle istituzioni scientifiche di fare conoscere il loro lavoro prezioso.

«La pandemia – prosegue Borgia – ha accelerato fenomeni che erano già in atto rendendoli definitivamente parte della nostra vita. Pensiamo al boom del food delivery e della spesa recapitata a casa: erano servizi già partiti da un paio di anni e che stavano mostrando un trend in crescita. Oggi sono letteralmente esplosi e dopo il Covid saranno parte delle nostre abitudini».

Se è vero, infatti, che i consumatori acquisteranno sempre più cibo sui canali online, diventerà altrettanto importante la comunicazione che verrà fornita dal sito web. Non sarà sufficiente vedere la foto del prodotto; i clienti vorranno leggere l’etichetta e avere maggiori informazioni sul prodotto stesso, come di fronte all’addetto del banco che li sta servendo. Ugualmente, la crescita dell’e-commerce è un’opportunità anche per i piccoli produttori che con la vendita diretta, attraverso un sito Internet progettato per la promozione del prodotto e per le transazioni e ben gestito da professionisti della comunicazione, possono coronare il sogno di rendersi completamente indipendenti.

«La normale e più che giustificata paura per il Covid e la continua speranza in una prossima fine della pandemia – conclude Borgia – hanno acceso un nuovo interesse verso l’informazione, soprattutto verso i servizi di approfondimento a tema sanitario, scientifico, economico, sociale. Una maggiore attenzione e analisi critica generale di cui tutti i giornalisti, della carta stampata così come del web, della radio e della tv, dovranno sempre più tenere conto».

La Gazzetta del Gusto vi terrà informati su tutte le novità e gli aggiornamenti che, tuttavia, saranno disponibili anche sul sito ufficiale del festival: www.festivalgiornalismoalimentare.it e suoi relativi canali social.

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

La redazione de La Gazzetta del Gusto è composta da professionisti della comunicazione, blogger, esperti di nutrizione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

va