Dove mangiare Emilia-Romagna

Il nuovo corso dell’Emporio Armani Ristorante di Bologna

Nel raffinato locale situato in Galleria Cavour, c’è una nuova energia. La gestione non è cambiata ma appare più brillante e con una maggiore consapevolenza delle proprie potenzialità. Un menù sobrio che segue la classica cucina italiana, senza stravaganze ma sicuramente non banale 

Emporio Armani Ristorante di Bologna: la nostra recensione
L’interno dell’Emporio Armani Ristorante di Bologna (Foto © Enzo Radunanza).

Si respira una bella atmosfera nell’Emporio Armani Caffè e Ristorante di Bologna e non solo per l’essenziale eleganza degli arredi e per quel prestigioso contesto rappresentato dalla Galleria Cavour. Il centro bolognese dell’alta moda abbaglia con le scintillanti boutique di marchi famosi ed è la passeggiata preferita sia da chi si può permettere spese a tre zeri che da chiunque ami il lusso e voglia essere aggiornato sulle ultime tendenze.

Emporio Armani Ristorante a Bologna, Galleria Cavour

Non poteva esserci luogo migliore a Bologna per ospitare il progetto ristorativo di “Re Giorgio”, uno stilista che da sempre è sinonimo di classe indiscussa, di un’arte che affascina e conquista senza eccentricità pur dimostrando un’impronta inconfondibile.

Ingresso Emporio Armani Ristorante di Bologna
L’ingresso al ristorante Emporio Armani (Foto © Enzo Radunanza).

Nel capoluogo emiliano Il Caffè e il Ristorante Emporio Armani occupano due locali opposti e spaziosi nella Galleria Cavour, separati da tavoli dove potersi fermare dalla colazione alla cena.

Eravamo stati all’Emporio Armani Ristorante nella primavera del 2017, poco dopo la sua inaugurazione, e avevamo pensato che ci fosse ancora molto da fare per raggiungere – anche nel comparto ristorativo – i traguardi dell’alta moda. Un servizio troppo freddo, tavoli piccoli per una mise en place troppo ingombrante e una cucina con poca personalità, non riflettevano gli entusiastici proclami del debutto.

Ci siamo tornati lo scorso dicembre, percependo un’energia profondamente diversa e una gestione più centrata e consapevole. Forse anche per le attuali normative sanitarie, i tavoli sono diminuiti concedendo spazio e confort ai clienti mentre, dal lato del rapporto umano, la professionalità si unisce a calore ed empatia, cose che tutti vogliamo trovare quando mangiamo fuori casa. Rivista anche la proposta enogastronomica diventata più schietta e sicura, più personale pur continuando a seguire il principio di piatti semplici, classici e della tradizione italiana.

Emporio Armani Ristorante di Bologna si trova in Galleria Cavour (Foto © Enzo Radunanza).

Stessa gestione, ma un nuovo corso per il ristorante bolognese

La proprietà dell’Emporio Armani Ristorante di Bologna è rimasta la stessa ma è come se i fratelli Alessio e Mattia Malaguti abbiano maturato più sicurezza nel condurre il progetto. Alessio, aiutato dal sous chef Francesco Boni, ha assunto le redini della cucina subentrando a un precedente chef mentre Mattia gestisce la sala con maestria, senza lesinare sorrisi e lasciando la giusta privacy a una clientela esigente, spesso riunita anche per concludere affari.

Parola d’ordine è sobrietà, come si conviene allo stile “Armani”, ma si percepisce disinvoltura e meno timore reverenziale nei confronti di un brand così altisonante. D’altra parte Alessio e Mattia hanno un bagaglio di esperienza importante nella ristorazione, appartenendo ad una famiglia che da cinque generazioni gestisce la Trattoria La Rosa 1908 a Sant’Agostino (FE), un tempio della convivialità e dell’autentica tradizione emiliana.

Il Menu del Ristorante Emporio Armani a Bologna

La carta è strutturata con intelligenza; 6/7 piatti per ogni portata, tra carne, pesce e verdure, che variano nel corso dell’anno per seguire la stagionalità e garantire l’approvvigionamento di ingredienti sempre freschissimi. A pranzo si aggiungono sandwich, insalate e hamburger, con una carta dei vini anch’essa sobria e comprendente alcune delle migliori etichette italiane. Non mancano le specialità della tradizione emiliano-romagnola: salumi e formaggi, tortellini in brodo, cotoletta alla bolognese e ricette al tartufo, nel periodo giusto.

La nostra esperienza

È sempre bello trovare all’arrivo un cestino del pane fragrante e generoso. Da Armani, i fratelli Malaguti lo presentano con grissini, pane e calde focacce artigianali accanto a due ottime mousse, una ai funghi e semi di sesamo e l’altra alla zucca con semi di zucca. Ci siamo goduti questa coccola di benvenuto insieme a un calice di Franciacorta Brut DOCG Nobilium della cantina Bonfadini, la cui vivace acidità ha sposato perfettamente la dolcezza delle mousse.

Recensione Ristorante Armani Bologna
Cestino del pane e mousse di funghi e di zucca (Foto © Enzo Radunanza).

Come primo piatto, non potevamo non provare il “Riso Armani Milano”, mantecato al Parmigiano reggiano 24 mesi, con polvere e pistilli di zafferano. Un piatto che caratterizza tutti i locali del brand e che pur non presentando spunti avanguardistici, vanta un’esecuzione perfetta nell’accostamento degli ingredienti, nella cottura e nella complessa sensualità organolettica conferita dallo zafferano.

Riso Armani mantecato al Parmigiano reggiano 24 mesi, con polvere e pistilli di zafferano (Foto © Enzo Radunanza).

Più personale, ma altrettanto appagante nella porzione e nei sapori, il “Rombo alla mugnaia su crema di patate, topinambur, carciofi e pak choi“. Una preparazione rassicurante che fa incontrare mare e terra, Occidente e Oriente (il pak choi è un tipico cavolo cinese dal delicato sapore erbaceo e leggermente amaricante), tradizione e contaminazione, confermando l’idea che non servano idee strampalate per fare buona cucina.

Rombo alla mugnaia su crema di patate, topinambur, carciofi e pak choi (Foto © Enzo Radunanza).

Piccola ma curata e oculata anche la carta dei dolci che spiccano per eleganza e rappresentatività. Buoni il “Tiramisù Armani”, un cremoso al mascarpone con bagna al caffè e servito con gelato alla crema, e la piccola – preziosa- pasticceria con i grandi classici da gustare in punta di dita.

Tiramisù Armani con gelato alla crema (Foto © Enzo Radunanza).

Per quanto riguarda i prezzi, ricordiamoci che siamo in Galleria Cavour e in un Ristorante Armani. Si può pagare qualche euro in più (non tanti, davvero) ma, almeno per la nostra esperienza, si mangia molto bene, il servizio è impeccabile e si trascorre qualche ora cullati in una nuvola di charme. Un’esperienza che vale la pena di provare.

Emporio Armani Caffè e Ristorante
Galleria Cavour 1/d, Bologna, 40124, Italia
Sito webFacebook – Instagram

 

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Enzo Radunanza

Giornalista e addetto stampa, mi occupo di enogastronomia dal 2010. Nel 2019 sono stato nominato "Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna" per la mia costante attività divulgativa. Inoltre, sono copywriter e digital media marketer per varie realtà. Per tutti sono anche "Il Cronista d'assaggio".

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner