Piemonte Ristoranti

Fassoneria, quando l’hamburger è made in Piemonte

La carne di pura razza piemontese è la protagonista del progetto che riunisce 10 locali gourmet da Torino a Cagliari, da Milano a Napoli, in cui la qualità del monoprodotto è garantita dagli Allevatori della Cooperativa cuneese Compral.

Fassoneria a Torino, l’hamburger gourmet piemontese
Hamburger di carne di pura razza Fassona (Foto © Silvia Fissore). 

Un recente studio pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica The Lancet ha finalmente sdoganato la carne: mangiarla non fa male! E così tiriamo tutti un sospiro di sollievo, soprattutto qui in Piemonte dove la tradizione culinaria è notoriamente “carnivora”. E a ragione visto che è proprio da queste parti che nasce una delle razze bovine più pregiate in virtù del suo bassissimo contenuto di grassi e dell’alto valore proteico.

Stiamo parlando della Fassona Piemontese, che è anche protagonista indiscussa della Fassoneria, il progetto gourmet nato a Torino nel 2013 dall’idea dell’imprenditore Fabrizio Bocca e diventato in poco tempo un brand di successo, con l’apertura di oltre dieci locali in tutta Italia, da Milano a Napoli, senza dimenticare Sicilia e Sardegna.

Alla base del progetto, e a differenziarlo dalle altre simili realtà nel panorama gastronomico, c’è l’idea di proporre al pubblico una nuova tipologia di ristorazione, che garantisca un’offerta gourmet anche in un locale monoprodotto, come la classica hamburgeria.

Titolari di Fassoneria a Torino via San Massimo
Giampiero e Marta, gestori di Fassoneria in via San Massimo 17 (Foto © Silvia Fissore). 

«Ad assicurare l’altissima qualità della carne servita in Fassoneria sono gli Allevatori di razza della Cooperativa cuneese Compral, che gestiscono direttamente i nostri punti vendita» spiegano Giampiero Seano e Marta Guzowska, alla guida del locale di Torino in Via San Massimo 17, nel cuore del centro storico.

Fassoneria a Torino, in via San Massimo 17

Da Fassoneria la buona carne piemontese
Un particolare della sala (Foto © Silvia Fissore). 

Gli amanti degli hamburger trovano in carta oltre 20 proposte, con farciture che spaziano dal classico bacon e cipolla, passando per gusti più esotici come il guaca mole, per arrivare a contaminazioni sabaude come  il burger con toma, fontina o gorgonzola.

Fassoneria a Torino
1) Tagliere da aperitivo con carne cruda battuta, tagliata e salsiccia di Bra | 2) Tagliere di Fassona cruda con patate fritte (Foto © Silvia Fissore). 

Ma la Fassoneria non è solo hamburger: il menu proposto, infatti, è studiato per valorizzare al massimo le caratteristiche di questa pregiata carne. Ecco allora comparire in carta alcuni classici della tradizione locale, come la Battuta di cruda, il Vitello Tonnato, la Salsiccia di Bra (di puro bovino), gli agnolotti del plin ripieni di carne, ma anche tagliata, costata e stracotto per i carnivori più accaniti.

Ristorante Fassoneria a Torino, anche take away
Il locale offre anche i tagli di carne sottovuoto da portare a casa (Foto © Silvia Fissore). 

Il tutto accompagnato dalle proposte al calice che includono le bollicine e le migliori etichette nazionali selezionate da Giampiero. E per chi lo desidera, è possibile anche acquistare direttamente nel locale la carne di Fassona, rifornita quotidianamente dal Consorzio e confezionata sotto vuoto per garantirne la freschezza e la conservazione.

«Su richiesta – aggiunge Giampiero – siamo in grado di prenotare per i nostri clienti anche tagli speciali».

Buoni vini e mixology creativa per completare l’offerta ristorativa

Ultimissima novità della casa, infine, sono i “Cocktail di razza”: un menu pensato in abbinamento con gli hamburger e studiato in collaborazione con esperti di mixology.

Fassoneria a Torino, cosa si beve
Alcuni cocktail di Fassoneria (Foto © Facebook). 

I cocktail proposti, come si legge dai nomi, sono un omaggio alla tradizione torinese: “Un Americano a Torino”, a base di vermouth rosso, bitter, chinotto; “Sotto la Mole” con vermouth rosso, bitter, gin; o ancora “Il Mulo della Mole”, una variante del Moscow Mule con vermouth rosso, ginger beer e succo di limone. Un’idea originale e inusuale da provare insieme ai panini e, con la bella stagione, da gustare nel dehors di Via San Massimo, nella quiete di un antico cortile.

Fassoneria a Torino
Via San Massimo 17 – 10123 – Torino 
Sito web | Facebook

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Silvia Fissore

Silvia Fissore

Milanese sotto la Mole, giornalista e pr. Nel 2007 sono entrata nel food come addetta stampa, col lancio di FoodLab, scuola di cucina torinese tra le prime a estendere l'impostazione professionale ai corsi amatoriali. Seguo l’ufficio stampa del Festival del Giornalismo Alimentare. Di Milano conservo la mente aperta e lo snobismo, a Torino devo la capacità riflettere e ripartire da zero.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 14 Giugno 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità