Dove mangiare

Sinosteria prosegue il suo “lungo cammino”: arriva la proposta street food di Jun Ge

Il locale di vera e buona cucina cinese a Roma si apre a nuove collaborazioni e, insieme a Franco Franciosi e Francesco D’Alessandro dell’Osteria Mammaròssa di Avezzano lancia un nuovo menù di street food con contaminazioni tra Oriente e Occidente

Yantu di Sinosteria a Roma: lo street food di Jun Ge
Trippa di maiale alla pechinese in olio di peperoncino con semi di sesamo e coriandolo fresco (Foto © Francesco Zannoni).

Si scrive Yantu, si legge “lungo il cammino” per indicare il percorso personale di Jun Ge, eclettico titolare della Sinosteria, baluardo dell’autentica cucina cinese a Roma, vocato alla qualità senza compressi. La collaborazione e l’arricchimento reciproco con i colleghi confluiscono in una sorta di progetto gastronomico che è diventato una costola virtuale dello stesso Sinosteria di Viale Guglielmo Marconi, 586.

Tutto si fonda su una qualità immateriale ma percepibile, quella qualità che parte dall’intelligente ricerca e termina con l’offerta culinaria, passando per un percorso di crescita personale in cui il fil-rouge resta la sentita valorizzazione di sani principi e della collaborazione. Una collaborazione che per Jun si declina nello scambio di vedute tra colleghi, nello studio rigoroso e continuo della materia prima, in un desiderio mai sopito di creare reti virtuose di cooperazione, capaci di fondere “i credo” prima ancor della mente.

Yantu: la proposta di street food di Sinosteria a Roma

Yantu è dunque un cammino in itinere, è l’essenza e la sostanza di un progetto che prende la “forma” di una intelligente fusione tra la cucina tradizionale cinese e le ricette tipiche del nostro Paese. Ed è nell’obiettivo di agevolare la diffusione di queste nuove frontiere del “relazionarsi” che Yantu si traduce, di fatto, in interessanti proposte di “street food” incentrate sulla contaminazione dinamica e mai banale.

Frutto della felice sintonia con Franco Franciosi e Francesco D’Alessandro dell’Osteria Mammaròssa di Avezzano (AQ), il maritozzo farcito con i signature dishes della Sinosteria è la quintessenza gastronomica del sodalizio tra i tre amici (e colleghi).

Maritozzo “Mammaròssa” con baccalà mantecato, pepe di Sichuan e congsu (Foto © Francesco Zannoni). 

Il menù è ragionato e offre uno spaccato, chiaro e senza fronzoli, di un progetto che fa del confronto un motivo di arricchimento reciproco. La proposta è, infatti, un incontro tra tecniche, ingredienti e cotture di Occidente ed Oriente, fuse in un’armonia complessiva che lascia percepire la grande affinità di vedute.

Maritozzo spezzatino di vitellone allo Shandong con anice stellato e origano di Pantelleria di Tanca Nica (Foto © Francesco Zannoni).

Il menù di Sinostreria

La carta, disponibile dal mercoledì al sabato – per il momento solamente in delivery e take away – è un viaggio tra le terre d’Abruzzo ed i profumi asiatici:

  • pollo in olio piccante, con porro fresco e semi di sesamo
  • maiale in salsa agro-piccante con zucchine, carote e funghi neri
  • melanzane in salsa agro-piccante con aglio rosso di Sulmona
  • spezzatino di vitellone con anice stellato e origano di Pantelleria
  • baccalà mantecato (ricetta di Mammaròssa) con pepe di Sichuan e croccante di porro
  • anatra, il suo fondo tirato con zenzero e cipolla.

Versione vegetariana della carta

La versione vegetariana incuriosisce sin dalla prima lettura e convince all’assaggio. Buona la texture del maritozzo che esprime la mano capace dello chef, lo studio di lieviti e cotture per offrire una consistenza ideale ad assorbire il condimento, sciogliendosi piacevolmente al palato, senza risultare gommoso. Il ripieno è “gudorioso” e schietto, sebbene giocato sugli equilibri di speziatura, cottura e marinatura. Il boccone completo colpisce per la trama del maritozzo che si dissolve lentamente, lasciando spazio alla verve delle melanzane, giustamente fragranti e mai stucchevoli.

Un blend perfetto, non solo su carta, questa golosa collaborazione tra Jun e Mammaròssa che sarà di certo foriera di altre interessanti novità.

Sinosteria
Viale Guglielmo Marconi, 586 – Roma
Facebook

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Manuela Mancino

Il segugio scopritore. Quasi vent’anni di passione trascorsi tra territori e ricerca. Curiosità e desiderio di conoscenza mi hanno portato ad approfondire il mondo del food con corsi di sommelier, degustazione e tecnico di olio e olive da mensa, birra, salumi, formaggi e acqua. Lasciarsi guidare da profumi e sapori e ricercando l’anima più profonda di ogni “frutto” degustato. Questa la mia filosofia!

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner