Eventi Piemonte

Il Festival del Giornalismo Alimentare 2022 punta su temi caldi della guerra e della pandemia

Al Centro Congressi Lingotto di Torino, torna la settima edizione dell’evento dedicato alla comunicazione enogastronomica. Dopo un’anteprima il 30 maggio, l’appuntamento è per il 31 maggio e 1° giugno. La Gazzetta del Gusto sarà presente come Media partner

Programma Festival del Giornalismo Alimentare 2022
Saranno oltre 100 i relatori dei 30 panel di approfondimento (Foto © Ufficio stampa).

Martedì 31 maggio e mercoledì 1° giugno 2022 torna il Festival del Giornalismo Alimentare, la prima manifestazione in Italia che affronta in modo trasversale i numerosi ambiti legati alla comunicazione del cibo, da quello gastronomico e culinario a quello relativo alle politiche e alle questioni di informazione, sicurezza ed educazione alimentare, fino alla comunicazione sociale e social del food&drink.

Pronto il programma Festival del Giornalismo Alimentare 2022

Il filo conduttore di quest’anno sarà l’analisi delle principali questioni sul cibo alla luce del particolare periodo di transizione che stiamo vivendo nel quale l’ottimismo per la ripartenza a seguito della pandemia da Covid-19 ha lasciato lo spazio alle preoccupazioni e alle incertezze legate al nuovo contesto bellico, e alle conseguenze economiche, sociali e politiche, che si sono venute a creare alle porte dell’Europa.

I temi e le ricerche del Festival

Oltre 100 i relatori coinvolti nei trenta panel di approfondimento durante i quali saranno presentate 8 ricerche:

  1. il report di Eco della Stampa che racconta come giornali e web hanno trattato l’alimentazione nel 2021;
  2. l’indagine esclusiva dell’Istituto Piepoli sulla rispondenza tra le aspettative di informazione dei cittadini e l’offerta informativa dei media;
  3. un’analisi sull’informazione alimentare a cura del Master Cibo&Società dell’Università Bicocca di Milano;
  4. il rapporto sull’infosfera e la narrazione giornalistica sul cibo presentato dall’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli;
  5. la psicologia dei consumi tra l’uscita dalla pandemia e l’incertezza generata dal conflitto in Ucraina presentata dall’Università Cattolica di Cremona;
  6. il rapporto di “sentiment analysis” dei consumi proiettato verso il futuro curato dall’Università di Torino con il CREA;
  7. un’analisi sull’andamento dei prezzi delle materie prime e sull’autonomia di approvvigionamento del nostro Paese presentata da Borsa Merci Telematica Italiana;
  8. il cambiamento nelle nostre abitudini alimentari, infine, illustrato nello studio di Altroconsumo che presenterà l’indagine statistica sugli effetti dell’inflazione.
(Foto © Ufficio stampa).

Nell’occasione sarà presentato anche ACmakers, il progetto dove protagonisti sono i consumatori, coinvolti a partecipare in prima persona a test e sondaggi per raccogliere spunti e suggerimenti su temi innovativi legati all’attualità.

Ai “panel survey” di presentazione e analisi dei dati, si alterneranno interventi di largo respiro dedicati alle questioni più urgenti che riguardano il settore agroalimentare. Si delineeranno così le nuove prospettive in ambito Agrotech e Foodtech con un caso studio presentato da Fondazione Riccagioia Agri 5.0 hub di riferimento per l’innovazione in agricoltura. Si parlerà anche di Tecnologie di Evoluzione Assistita (TEA) e non mancherà anche una riflessione sulla corretta informazione scientifica relativamente all’impiego della chimica in agricoltura.

Infine, si racconterà lo stato dell’arte dei farmer markets, i mercati contadini, alla presenza dei principali referenti del World Farmers Markets Coalition.

Spazio anche alle riflessioni sulla pesca sostenibile – e ai modi in cui viene raccontata sui media – nell’Anno internazionale della Pesca e dell’Acquacultura con la presentazione di dati e ricerche.

Non poteva poi mancare, vista la stretta connessione tra cibo e territorio, anche uno sguardo sulle tendenze turistiche per la prossima estate con l’intervento di Roberta Garibaldi, AD di ENIT – Ente Nazionale Italiano per il Turismo.

Come ogni anno, infine, grande attenzione sarà data al dibattito sul mestiere del giornalista e al futuro della previdenza, visto che il 30 giugno sarà definitivo il passaggio dall’INPGI all’INPS dei giornalisti titolari di rapporto di lavoro subordinato.

L’anteprima del 30 maggio

La settima edizione del Festival del Giornalismo Alimentare vivrà anche un’importante anteprima.

Lunedì 30 maggio alle ore 10 presso Palazzo Birago (via Carlo Alberto 16), sede aulica della Camera di commercio di Torino, è in programma il dibattito Le politiche per fare di Torino una vera capitale del cibo”, alla presenza dei rappresentanti delle varie associazioni di categoria cittadine e dell’Amministrazione comunale.

I laboratori del Festival del Giornalismo Alimentare

Tornano per l’edizione 2022 anche i laboratori pratici e gli eventi off, i momenti del Festival per vivere il lato sociale del cibo.

(Foto © Ufficio stampa).

Saranno 12 i laboratori pratici in programma durante i due giorni di Festival all’interno del Centro Congressi Lingotto: momenti esperienziali per mettere “le mani in pasta” condotti da Camera di commercio di Torino, Regione Piemonte, Maestri del Gusto di Torino e provincia, Bayer, Crea, Costadoro, Associazione Ristoranti della Tavolozza e Banco Alimentare.

Dal mondo dei semi a prodotti di primo piano come il caffè, il gelato e il vino con un’interessante digressione nel mondo dei fiori eduli, dalle etichettature allo spreco alimentare, dalle biotecnologie fino al greenwashing e molto altro ancora.

Non mancherà anche un laboratorio “multimediale” con la proiezione del cortometraggio “L’Altra Terra” diretto da Daniele Pignatelli, prodotto da Bayer in collaborazione con Giffoni Innovation Hub e dedicato al mondo dell’agricoltura e al cambiamento tecnologico e innovativo avvenuto generazione dopo generazione nelle imprese agricole.

I laboratori sono accessibili solo su prenotazione dal sito web www.festivalgiornalismoalimentare.it e riservati al pubblico accreditato al Festival.

Gli eventi off

Gli eventi off del Festival, gli appuntamenti per conoscersi e fare rete dedicati a giornalisti e blogger, sono in programma lunedì 30 e martedì 31 maggio. Per accedere ai due eventi, che saranno a numero chiuso, è necessario accreditarsi scrivendo una mail a stampa@festivalgiornalismoalimentare.it.

Lunedì 30 maggio alle 18.30 presso Affini San Salvario (Via Belfiore 16C) è in programma una serata all’insegna della “Miscelazione contadina” e delle ricette per il risparmio energetico con la presentazione del nuovissimo liquore al Bergamotto di Affini, realizzato in collaborazione con gli agricoltori di Coldiretti e proveniente al 100% da filiera contadina italiana. Sarà anche presentato il secondo e-book del Festival del Giornalismo Alimentare, realizzato in collaborazione con Libricette, progetto ideato dalla comunicatrice del cibo Paola Uberti.

Martedì 31 maggio, invece, in previsione della Giornata Mondiale del Latte celebrata il 1° Giugno, appuntamento alle 17:45 presso 100Vini&Affini da Green Pea per riscoprire le potenzialità del latte anche nella miscelazione con il racconto di “Think Milk. Taste Europe, Be Smart!” il nuovo progetto europeo finalizzato a promuovere il ritorno al consumo di questo alimento.

L’e-book del Festival del Giornalismo Alimentare 2022

Continua la collaborazione tra il Festival del Giornalismo Alimentare e Libricette, la libreria web dedicata ai ricettari di cucina creata dalla comunicatrice enogastronomica Paola Uberti. Il titolo dell’e-book redatto quest’anno sarà “Le ricette del risparmio energetico” dedicato al risparmio energetico in cucina a 360°. Un compendio con tante originali e gustose ricette “cooker free” affiancate da alcuni articoli di approfondimento culturale legati al tema.

Sarà possibile scaricare l’e-book dal www.festivalgiornalismoalimentare.it e dal sito www.libricette.eu

Le ambassador del Festival

Grande novità della settima edizione saranno le FGA Ambassador, sei blogger ed esperte di comunicazione gastronomica selezionate per restituire al pubblico un punto di vista live, professionale, critico e qualificato sulla prossima edizione.

Rosa del Gaudo, Graziella Di Paola, Federica Lago, Federica Piccoli, Irene Prandi e Rosita Tondo: sei inviate speciali che, attraverso un liveblogging sui propri canali social, affiancheranno i panel del Festival offrendo non solo un racconto polifonico e trasversale dei temi e degli argomenti più controversi al centro degli incontri, ma anche uno sguardo esclusivo sugli eventi off e i laboratori esperienziali organizzati nel corso dei due giorni.

I Media partner

All’interno degli spazi del Festival verrà allestita l’area media dedicata esclusivamente a giornali, radio e blog che hanno scelto di sostenere come media partner questa settima edizione e che saranno presenti con i loro giornalisti per intervistare gli ospiti, i relatori e il pubblico del Festival seguendo l’evento minuto per minuto.

Quest’anno il FGA tornerà live presso il Centro Congressi Lingotto di Torino, in via Nizza 280. L’evento potrà essere seguito anche in diretta streaming sul sito www.festivalgiornalismoalimentare.it accedendo alla home page.

Media partner: Eco della Stampa, Funny Vegan, La Gazzetta del Gusto, Food Affairs, Gusto H24, Radio Food, Radio Beckwith, Informacibo, Il Giornale del Cibo, Agricultura.it, Turismo del Gusto, Asa Press-Associazione Stampa Agroalimentare, Bonassisa Lab, Agromagazine, LIFE “Only Good News”, Never Stop Communication, TO Radio, Tasta la Notizia, CulturAgroalimentare, Investo Magazine, Virtually Live, Radio Jukebox, Radio Alfa, Image Line, AgroNotizie, Radio Antenna Uno, Traveleat, Teatro Naturale e Morenews.

Si ricorda che per accedere alle sale e per partecipare ai laboratori del Festival del Giornalismo Alimentare è obbligatorio l’uso della mascherina FFP2. Non è necessario essere in possesso di green pass.

Patrocini, sponsor e partner

Il Festival del Giornalismo Alimentare è realizzato con il Patrocinio del Dipartimento editoria e informazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Comune di Torino, Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Federazione Nazionale Stampa Italiana e Associazione Stampa Subalpina.

Sponsor: Bayer, Costadoro, Think Milk. Taste Europe, Be Smart!”

Il Festival è possibile con il contributo di Fondazione CRC e grazie al supporto della Camera di commercio di Torino e del Programma di Sviluppo Rurale.

Si avvale del supporto scientifico di Crea, Fondazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Laboratorio Chimico Camera di commercio di Torino, Altroconsumo, Laboratorio Chimico della Camera di commercio di Torino, Università Campus Biomedico di Roma, Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, Borsa Merci Telematica Italiana, Master Cibo & Società dell’Università Bicocca di Milano, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana.

Partner del Festival sono: Maestri del Gusto di Torino e provincia, Torino DOC, Torino Cheese, Affini, Distillerie Subalpine, Mondo 1492, Bolle di Malto, Banco Alimentare, Mentorino, Gruppo Smat, Libricette.eu, Gelateria artigianale Silvano, Istituto Alberghiero Prever, Ristoranti Tavolozza.

Osteria Rabezzana di Via San Francesco D’Assisi 23/C – Torino offrirà il servizio di catering nelle due giornate del festival.

Per il programma dettagliato e per accreditarsi: www.festivalgiornalismoalimentare.it

Scarica qui il programma

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

La redazione de La Gazzetta del Gusto è composta da professionisti della comunicazione, blogger, esperti di nutrizione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner