Campania Eventi

Napoli Beerfest, il programma completo dei due giorni

Annunciati tutti gli appuntamenti della due giorni partenopea del 21 e 22 dicembre. Le etichette dei piccoli birrifici indipendenti saranno abbinate ai piatti della cucina campana

Birra e Castel dell'Ovo
Il grande festival della birra si terrà a Castel dell’Ovo (Foto © Napoli Beerfest). 

Mancano pochi giorni al taglio del nastro della prima edizione di Napoli Beerfest, l’evento dedicato alla birra artigianale che si svolgerà a Napoli sabato 21 e domenica 22 dicembre 2019.

Patrocinato dal Comune di Napoli, Unionbirrai, l’associazione di categoria dei piccoli birrifici indipendenti, e Confesercenti, Napoli Beerfest ha molti punti di forza che hanno destato attesa e curiosità al punto che sono tanti i napoletani ad aver già segnato l’appuntamento in agenda.

Castel dell’Ovo, sede d’eccezione

Intanto è stato scelto come teatro della kermesse uno dei luoghi più belli e suggestivi della città, quel Castel dell’Ovo le cui sale ricche di storia e di arte, con una splendida vista sul mare, ospiteranno gli stand di diciassette tra i migliori birrifici artigianali indipendenti, campani e italiani.

Accanto alle loro etichette, sfileranno prodotti gastronomici della tradizione campana interpretati da aziende e personaggi noti a livello locale. Saranno presenti Ciro Salvo (50 Panino), Leopoldo Infante (Taralleria Napoletana), Ciro Scognamillo (Poppella), Giovanni Gentile (Wapo Natural Food), Antonio Aliberti (Casa KBirr) e Pasquale Rinaldo (Cipajo e Ristorante D’Amore a Capri).

La scelta di coinvolgere e privilegiare gli attori del sistema di produzione e lavorazione di tipicità regionali, si inquadra nell’ambito del progetto “Scegli Napoli”, nato per promuovere i prodotti realizzati dalle aziende con sede legale nella città di Napoli e del suo territorio metropolitano.

Programma Napoli Beerfest: non solo degustazioni

La due giorni dedicata alla birra non si baserà solo su semplici degustazioni ma il ricco calendario prevede anche momenti di approfondimento con laboratori didattici.

Teo Musso, tra i fondatori del movimento brassicolo italiano e ideatore del Birrificio Baladin, terrà una verticale della birra Xyauyù. Sabato 21 alle 14.00, invece, si svolgerà un’interessante tavola rotonda sull’indipendenza dei pub con la presenza di personaggi del settore come Manuele Colonna, Schigi e Andrea Turco.

Nell’area culturale, il filo conduttore sarà l’abbinamento cibo-birra, grazie al supporto del progetto “Birra in Tavola”. Da un lato saranno presenti gli chef e le aziende alimentari sopra citati, dall’altro interverranno Luciano Pignataro, Barbara Guerra (curatrice della guida 50 Top Italy), Alfonso Del Forno (co-organizzatore del Napoli Beerfest e UBT) e gli Unionbirrai Beer Tasters, degustatori di birra di Unionbirrai.

Immancabile la presenza del Club Amici del Toscano, impegnato con i laboratori di abbinamento con la birra.

Due giorni in compagnia della birra artigianale a Napoli (Foto © Napoli Beerfest).

Appuntamenti principali del programma culturale

Sabato 21 dicembre 2019

Ore 14,00: “Birra artigianale e Pub indipendenti”, tavola rotonda con Manuele Colonna, Menny Ambrosino, Andrea Turco, Luigi Schigi D’Amelio e Giampaolo Monarca Sangiorgi.

Ore 15,30: “La storia della Xyauyù”, verticale condotta da Teo Musso e Alfonso Del Forno (UBT);

Ore 17,30: “Il panino e la birra”, degustazione e abbinamento con Ciro Salvo, Luciano Pignataro e Alfonso Del Forno (UBT);

Ore 19,30: “Italian Grape Ale, lo stile italiano”, laboratorio di degustazione condotto da Natale Sessa (UBT);

Ore 21,30: “La divina commedia del Toscano e la Birra”, con Alessandro Schiavone (Club Amici del Toscano) e Alfonso Del Forno (UBT).

Domenica 22 dicembre 2019

Ore 13,00: Premiazione sesta edizione del “World Gluten Free Beer Award”;

Ore 14,00: “Birra e taralli sul lungomare” con Leopoldo Infante (Taralleria Napoletana 1940) e Pippo Raia (UBT);

Ore 15,30: “Il fiocco di neve cerca una birra” con Ciro Scognamillo (Poppella), Barbara Guerra (curatrice della guida 50 Top Italy) e Alfonso Del Forno (UBT);

Ore 17,30: “Formaggi e Birra” con Paolo Amato (Caseificio Aurora) e Alessandro Pelella (UBT);

Ore 19,30: “Influenza delle materie prime nella birra” laboratorio di degustazione condotto da Antonio Martinetti (UBT);

Ore 21,30: “La divina commedia del Toscano e la Birra” con Alessandro Schiavone (Club Amici del Toscano) e Alfonso Del Forno (UBT).

Ingressi e costi del Napoli Beerfest

I laboratori sono tutti gratuiti (ad eccezione della verticale di Xyauyù) per un massimo di 25 persone per ogni sessione.

Il biglietto d’ingresso al Napoli Beerfest è acquistabile online sul sito dell’evento (www.napolibeerfest.it) o direttamente all’ingresso del Castello. Il costo della singola giornata è di 10 euro, comprensivo di bicchiere in vetro personalizzato, la taschina porta bicchiere e due ticket per le degustazioni. È previsto un abbonamento per le due giornate a un prezzo di 18 euro, comprensivo di bicchiere in vetro personalizzato, la taschina porta bicchiere, quattro ticket per le degustazioni e un sacchetto personalizzato.

All’interno è possibile acquistare l’upgrade del biglietto d’ingresso con ulteriori ticket . Chi acquista il biglietto in prevendita ha una corsia preferenziale all’ingresso di Castel dell’Ovo. Per qualsiasi ulteriore informazione, controllare il sito o la pagina facebook dell’evento.

Partner e Media partner

A sostenere il Napoli Beerfest sono Kimbo, Mulino Caputo, Acqua Panna, Pepsi, Emporio Brewing, Inpact, La Spillatura, Home Beer, La Torrente e Parteno Craft.

Per incentivare anche il turismo sul territorio, è stata stipulata una partnership con l’associazione degli albergatori aderenti a Host Italia, con una serie di convenzioni reciproche che legano il Napoli Beerfest a chi fa accoglienza a Napoli.

Media partner ufficiali dell’evento sono Luciano Pignataro wine&food blog, il mensile Pizza e Pasta Italiana e la testata giornalistica La Gazzetta del Gusto.

Interessante la collaborazione con due App scaricabili gratuitamente: Yhop, che descrive come arrivare a Castel dell’Ovo, quali i birrifici presenti e l’elenco completo delle birre con relative caratterisiche, e Whatabeer, che punta a promuovere la cultura birraria attraverso un’impostazione “ludica”, una sorta di Tinder della birra.

Birrifici presenti a Napoli Beerfest 2019

Birrifici presenti: Birrificio Sorrento, Birrificio dell’Aspide, Bonavena, Croce di Malto, Eastside, Bella ‘Mbriana, Cauldron, Karma, Okorei, Birrificio Lambrate, Biren, Menaresta, Manerba, Maestri del Sannio, Ca’ del Brado, KBirr ed Extraomnes.

Area Food: Ciro Salvo (50 Panino), Leopoldo Infante (Taralleria Napoletana 1940), Ciro Scognamillo (Poppella), Giovanni Gentile (Wapo Natural Food), Antonio Aliberti (Casa KBirr), Pasquale Rinaldo (Cipajo e Ristorante D’Amore a Capri) e chiosco bar Kimbo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità