Cibo & Storia

Mangiatori di parole: quando la critica gastronomica diventa junk food

Ruolo della critica gastronomica: un'arte o un pretesto?
Anton Ego, il critico gastronomico del film Ratatouille diretto da Brad Bird.

Nell’era dell’autopromozione spudorata e del click veloce, come si è svuotato il sapore della critica gastronomica? E perché è ora di tornare a una dieta di onestà e competenza?

Critica gastronomica, un’arte o un pretesto?

Per alcuni, un’orchestrazione di sapori e parole; per altri, un palcoscenico per l’autocompiacimento. Nel corso del tempo, la critica ha assunto dimensioni industriali, plasmando profondamente le scelte dei consumatori e la fortuna dei ristoranti. Ma qual è il suo vero fulcro?

Ci poniamo questa domanda mentre navighiamo nell’oceano digitale, inondato da un torrente di recensioni, blog e influencer. La critica gastronomica sta ancora offrendo un servizio di guida, o è diventato un veicolo per l’edificazione del brand personale?

Narrativa del Sapore

Fino a non molti anni addietro, il recensore era un affinato narratore di sensazioni e sapori, una sorta di guida che conduceva i lettori lungo le sinuose strade del piacere culinario. Ma poi, l’era digitale ha fatto il suo ingresso trionfale. Ora, sembrerebbe che i ristoranti siano superati dal numero di recensori e un mestiere, un tempo riservato agli intenditori, si è trasformato in un’abile strategia di auto-promozione.

Funzione del critico: professionista o star dei social?

Il critico gastronomico ha un ruolo imprescindibile: è l’anello di congiunzione tra ristorante e consumatore, un consigliere che può indirizzare la scelta del cliente. Idealmente, dovrebbe essere un professionista con una profonda conoscenza di cucina, tecniche e ingredienti, capace di comunicare queste informazioni in modo accattivante e comprensibile.

Tuttavia, quando chiunque può indossare l’etichetta di esperto, l’autorevolezza del professionista è messa in dubbio. Molti autoproclamati critici non sono altro che influencer in cerca di visibilità, più impegnati a promuovere se stessi che a fornire recensioni obiettive e utili.

Promuovere se stessi o fornire recensioni obiettive e utili? È uno dei quesiti della moderna critica gastronomica.

Il lessico della recensione: fiumi di retorica o descrizioni sincere?

Nel mondo delle recensioni, le parole dettano legge. Possono dipingere un vivido ritratto del piatto, descrivere l’atmosfera del locale o addirittura stimolare l’appetito. Quando però queste parole diventano artifici retorici, utilizzati solo per fare spettacolo, tutto diventa insipido.

La recensione gastronomica dovrebbe essere un racconto onesto e diretto. Invece di adottare termini esotici o iperboli, i critici dovrebbero cercare di narrare nel modo più autentico e preciso possibile, aiutando i lettori a capire realmente cosa aspettarsi.

Il futuro del giudizio culinario: trend e aspettative

Sebbene ci aspettiamo che la critica continui ad evolversi con l’emergere di nuove tecnologie, speriamo anche che mantenga la sua essenza: essere un riferimento onesto e utile per il lettore.

Allo stesso tempo, chi scrive deve essere consapevole del suo ruolo e delle sue responsabilità. Le parole possono avere un forte impatto sulla fortuna di un ristorante e sulle scelte dei consumatori.

La critica che desideriamo pone il lettore al centro. Vogliamo professionisti competenti, che ci guidino attraverso le loro recensioni, che ci aiutino a scoprire nuovi ristoranti e a fare scelte informate. Vogliamo critici che siano onesti, chiari e che evitino l’auto-celebrazione.

Il futuro del settore è nelle mani dei lettori. Solo loro hanno il potere di decidere quale tipo di critica vogliono sostenere: “continueremo a farci scegliere o, finalmente, sceglieremo”?

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Gabriele Pasca

Gastroturista per passione, cuoco per necessità, giornalista per pigrizia, scrittore per errore. Nato nel poco lontano 1992, in un paese «a sud del sud dei santi». Recensisco, viaggio e sperimento: sempre meglio che lavorare.

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner