Gazzetta del Vino

Perché dovresti dare una chance al vino in Bag in Box

È un packaging sempre più apprezzato per la sua comodità. Inventato dalla NASA nel 1955, il Bag in Box consente di conservare a lungo il vino dopo l’apertura e senza perderne le specifiche proprietà 

Perchè scegliere vino in Bag in Box, e dove comprarlo online
Il vino in Bag in Box non perde nessuna delle sue proprietà e si conserva più a lungo.

Il vino in Bag in Box oggi rappresenta una nuova nicchia di mercato. Questo packaging innovativo, infatti, ha conquistato un gran numero di viticoltori, ma anche di appassionati di vino.

Cos’è il Bag in Box e le differenze con il vino in cartone

Il Bag in Box è una sacca confezionata sottovuoto, sormontata da un rubinetto a pressione a tenuta stagna, il tutto avvolto in una scatola di cartone. Il vino, quindi, non è mai a contatto nè con l’aria nè con la luce, due fattori naturali che ne deteriorano le caratteristiche.

Con questo packaging sempre più diffuso, il prodotto si può conservare – dopo l’apertura – per mesi. Il Bag in Box può essere da 3 litri (l’equivalente di quattro bottiglie tradizionali) o da 5 litri.

È molto importante che non venga confuso con il vino in cartone, il Bag in Box appartiene a una generazione completamente diversa e la sua diffusione è una realtà indiscutibile.

Perchè scegliere vino in Bag in Box, e dove comprarlo online
Sacche sottovuoto che saranno inserite in una scatola di cartone per il Bag in Box.

Perchè scegliere vino in Bag in Box: vantaggi per tutti

Se togliessimo il tappo di sughero e la bottiglia di vetro a un Sangiovese per alloggiarlo in un Bag in Box, il vino si guasterebbe? I pareri tecnici sono unanimi: il Bag in Box non pregiudica in alcun modo la conservazione dei vini in quanto il prodotto viene protetto da luce e ossigeno che potrebbero alterare il nettare di Bacco. Ecco perché è considerato un imballaggio estremamente tecnico.

Alcuni ritengono che il Bag in Box sia meno “nobile” della bottiglia di vetro ma, in realtà, il suo packaging è altrettanto accattivante e ha il pregio di conservare i vini ben sei settimane dopo l’apertura. Ciò è un vantaggio per i ristoratori, che possono avere sempre a disposizione il vino giusto per ogni piatto da servire, e per i wine lover che possono berne anche solo un calice durante il pasto. Senza contare il vantaggio ecologico di questo sistema di confezionamento; non solo è economico da produrre, ma è anche facile da riciclare.

Il momento della spillatura dl vino da una Bag in Box.

Gimmewine: vendita online di 230 etichette in Bag in Box

L’imprenditore Matteo Bencini ha puntato tutto su questo packaging inventato dalla NASA nel 1955 e ha lanciato lo shop online Gimmewine, specializzato nella vendita di vino in Bag in Box, con oltre 230 tipologie differenti, compresi i vini dall’estero.

La sua scommessa è di rendere il vino accessibile a tutti, anche a prezzi più convenienti, oltre ad assicurare una maggiore comodità di utilizzo. Con il Bag in Box non è necessario sforzarsi di finire una bottiglia prima di aprine un’altra, si possono avere a disposizione varie tipologie aperte e alternarle in base ai piatti degustati, il tutto senza che i vini perdano le specifiche proprietà organolettiche. Sicuramente è un sistema per ridurre gli sprechi e godersi ogni giorno un’etichetta diversa senza senso di colpa. 

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Redazione

La redazione de La Gazzetta del Gusto è composta da professionisti della comunicazione, blogger, esperti di nutrizione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner