Bologna Wine, viaggio nella viticoltura bolognese

Bologna Wine è il primo libro dedicato alla vitivinicoltura del territorio bolognese di cui ne approfondisce la storia, i differenti terroir, i vitigni autoctoni, gli abbinamenti con il cibo e le aziende.

Bologna-Wine-viaggio-nella-viticoltura-bologneseRipercorrere la storia della vite e del vino a Bologna e provincia, descrivere le caratteristiche del terroir e dei vini, presentare le più importanti aziende vitinicole del territorio e raccontarne la filosofia e l’attività. Sono gli obiettivi di “Bologna Wine”, il primo ed interessantissimo libro dedicato ai vini bolognesi.

Adatto a tutti gli appassionati di vino, Bologna Wine è il risultato del lavoro di tante persone che sono state coordinate dall’A.I.E.S. – Accademia Internazionale Enogastronomi Sommeliers. Hanno collaborato alla scrittura del libro, infatti, giornalisti, aziende e i Maestri Sommelier dell’Accademia che hanno girato la provincia per degustare i vini prodotti dai vignaioli.

Questa pubblicazione vuole restituire dignità ed importanza ai vini del territorio bolognese che, fino a poco tempo fa, non erano stati opportunamente valorizzati al pari della gastronomia, famosa in tutto il mondo. Fortunatamente, anche grazie ad una sapiente attività di promozione a livello internazionale, i vini bolognesi , e quelli emiliano romagnoli in genere, cominciano ad essere affiancati alle altre eccellenze italiane.

Bologna Wine non è una semplice guida ma è quasi un romanzo che “racconta” un territorio in cui l’A.I.E.S. opera intensamente e i cui vini, oltre ad accompagnare una cucina rinomata per la sua eccellenza e corposità, ne rispecchiano la storia, le tradizioni e la cultura.

Scopriamo che Bologna e il suo territorio offrono numerosi spunti dal punto di vista dell’offerta enologica, molti più di quanto ci si aspettasse, anche perché il capoluogo felsineo racchiude in sé le due anime dell’Emilia e della Romagna e i vini spaziano dal bianco e frizzante dell’Emilia al rosso fermo della Romagna.

Per semplicità narrativa, gli autori di Bologna Wine hanno fissato i confini tra Emilia e Romagna seguendo la legislazione ufficiale in materia che decreta in via San Pietro in località Maggio, nel Comune di Ozzano dell’Emilia, il confine della DOC Romagna, a ovest della quale si affaccia la DOC Colli Bolognesi.

La prima parte del libro è antologica e descrive, in maniera puntuale ed appassionante, la storia della vite e del vino nella provincia di Bologna dall’epoca etrusca fino ai giorni nostri mettendone in luce i periodi di maggiore splendore e quelli di difficoltà o crisi causate da malattie delle piante o da congiunture economiche sfavorevoli.

Si prosegue con un capitolo dedicato al “Vino e terroir” che tratta delle caratteristiche del suolo bolognese, fertile e particolarmente adatto alla coltivazione della vite, del clima dei colli bolognesi e imolesi in riferimento alle ultime annate e delle principali forme di allevamento della vite.

Un capitolo particolarmente interessante, e accompagnato da belle immagini a colori, è quello sulla presentazione dei vitigni autoctoni e tradizionali del territorio: Albana, Alionza, Montù, Pignoletto/Grechetto gentile, Trebbiano romagnolo, Barbera, Negretto, Sangiovese e Uva del Fantini. Ad ogni vitigno corrisponde un paragrafo che ne illustra la varietà, le caratteristiche, la zona di coltivazione, la storia e i vini che con quel vitigno si producono.

Non poteva mancare anche un approfondimento sulla cucina bolognese e sull’abbinamento con i vini del territorio che viene sviluppato dal giornalista e vignaiolo Fabio Bottonelli che rileva come, solo negli ultimi anni, i vini bolognesi stiano conquistando meritata credibilità e vengano messi a confronto con i vini di altre regioni. Infatti, spiega Bottonelli, se Bologna vanta un’indiscussa reputazione internazionale sull’eccellenza della cucina non ha mai raggiunto lo stesso prestigio sul vino e gli stessi bolognesi, spesso, hanno considerato i propri vini come prodotti “casalinghi”.

La seconda parte di Bologna Wine è dedicata a 68 aziende vinicole della provincia bolognese che sono state visitate dai Maestri Sommelier dell’AIES e che hanno tracciato una mappatura del territorio partendo dalla sua parte emiliana (Valsamoggia) fino ad arrivare a quella romagnola (Imola). Grazie a Bologna Wine abbiamo a disposizione la fotografia completa di ciò che Bologna può offrire in termini di produzione di vini.

Non solo gli esperti hanno degustato i prodotti di queste cantine ma ne hanno approfondito la storia, la filosofia, i terreni, le forme di allevamento e i vitigni coltivati e, ovviamente, ne hanno descritto brevemente i vini assaggiati.

Il libro si chiude con un capitolo dal titolo romantico: “Vini da Ricordare”, che elenca i vini, maggiormente apprezzati nelle degustazioni dal punto di vista organolettico ma anche e soprattutto dal punto di vista della filosofia produttiva, del rispetto del territorio e della tradizione.

Bologna Wine si può acquistare presso i punti vendita elencati nel seguente link: www.accademiasommeliers.it , richiederlo via email, a info@accademiasommeliers.it o eventi@accademiasommeliers.it oppure

Acquistalo subito su AMAZON:

Bologna-Wine-Presentazione-libro-a-Bologna

Bologna, 11 dicembre: presentazione del libro “Bologna Wine”.


BOLOGNA WINE – VIAGGIO NELLA VITICOLTURA BOLOGNESE
Autore: a cura di A.I.E.S.  Accademia Internazionale Enogastronomi Sommeliers
Editore: A.I.E.S.
Data di uscita: dicembre 2015
Pagine: 159
Lingua: Italiano
Prezzo di listino: € 8,90 (anche in formato e-book)


Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Vivo a Bologna dal 1999 ma con "La Grassa" non è stato amore a prima vista. Abbiamo iniziato come amici e, lentamente, mi sono innamorato della sua cucina, dei prodotti tipici, della sua creatività mista ad anticonformismo. Ho una laurea in Economia aziendale, mi piace leggere, scoprire e raccontare storie, mondi e persone anche molto diverse da me. Appassionato di web marketing e comunicazione, scrivo di teatro, spettacolo, musica e tv anche se, attualmente, l'enogastronomia occupa gran parte del mio tempo libero.

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 21 Dicembre 2015

Ti potrebbero interessare: