Aziende e Prodotti

Ravioli del plin, il primo piatto del Natale piemontese

Tra le specialità del pranzo di Natale in Piemonte, vi sono gli agnolotti che, nella versione classica, sono di forma quadrata e tagliati a rondella. Il ripieno di solito è composto da arrosto o brasato, misti a verdura.

Tra le specialità del pranzo di Natale in Piemonte, vi sono gli agnolotti che, nella versione classica, sono di forma quadrata e tagliati a rondella. Il ripieno, di solito, è composto da arrosto o brasato, misti a verdura.

I ravioli del plin o agnolotti del plin sono tra i formati di pasta ripiena più semplici per forma eppure tra i più laboriosi a causa delle dimensioni molto ridotte. Si possono trovare e preparare in ogni periodo dell’anno ma sono, per tradizione, il piatto natalizio piemontese.

Origini dei ravioli del plin

Le origini dei ravioli del plin sono incerte. Diffusi a partire da Langhe e Monferrato, è ormai un piatto tipico di tutto il Piemonte. Non c’è dubbio che sia nato come ricetta di riciclo degli avanzi, carni cotte e verdure nelle famiglie più abbienti, ed erbe di campo e riso in quelle più modeste. Per questo motivo, pur essendo inseriti nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali e tutelati da un disciplinare, non esiste una “ricetta originale” degli agnolotti del plin.

Le numerose varianti rispondono a questa esigenza anti-spreco, differenziandosi in base alla località, alla famiglia, alla tipologia di avanzo da valorizzare nonchè ai prodotti facilmente reperibili.

Varietà di agnolotti piemontesi

Nella zona delle Langhe e del Monferrato sono celebri i ravioli del plin, il cui nome è dovuto al metodo di chiusura, “plin” appunto, ovvero “pizzicotto” in dialetto piemontese, poiché la sfoglia ripiena viene sigillata stringendone i lembi con le dita. Il risultato è una piccola tasca di forma rettangolare.

Una delle versioni più conosciute prevede carne arrosto ed erbette, queste ultime intese come spinaci o bietoline; l’arrosto corrisponde solitamente a carni miste di vitello o bovino, maiale o coniglio mentre, nella preparazione “di magro”, la sfoglia dei plin racchiude spinaci lessi e grana, più raramente ricotta.

Attualmente la pasta di base viene preparata con uova e farina di frumento ma, in origine, consisteva in un impasto povero di acqua e farina. In ogni caso la sfoglia è da sempre sottilissima affinchè si chiuda velocemente con il “plin” e lasci intravedere il colore della farcitura. Il condimento varia anch’esso e può rappresentare fondo di cottura dell’arrosto, che di certo non veniva gettato, ragù alla piemontese o burro e salvia.

Ravioli del plin al tovagliolo
I ravioli del pin al tovagliolo (Foto © Rita Mighela).

Gli agnolotti “al tovagliolo”

In tempi meno recenti era usanza servire gli agnolotti del plin “al tovagliolo”. Dopo averli cotti e scolati, essi venivano posati all’interno del tovagliolo, ripiegato perché non perdessero morbidezza, e qui venivano consumati senza condimento che ne coprisse il gusto. A volte si accompagnavano a un brodo leggero, servito a parte in tazza, oppure a vino rosso.

Questa curiosa tradizione popolare negli ultimi anni è stata rivalutata e non è insolito vederli servire in questo modo in qualche piola di cucina tipica piemontese, in ristoranti di livello o nei pranzi in famiglia.

Consigli per la cottura

I ravioli del plin richiedono una cottura di pochi minuti, ma i tempi variano in base alla materia prima e alla fattura che, essendo artigianale, non è mai sempre uguale. È consigliabile l’utilizzo di un tegame capiente e 1 litro di acqua ogni 100 g di prodotto.

Molto importante anche la quantità di sale, nell’uso popolare era “a occhio”, mai eccessiva, tenendo  presente il ripieno molto saporito.

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Rita Mighela

L’apprendista food blogger. Nata in Sardegna, dopo 26 anni a Roma, ora vivo a Torino. Formazione artistica, esprimo la mia creatività come food blogger, tra fornelli e scatti fotografici, con la dedizione e semplicità tipici del mio modo di essere. Nel 2013 ho creato il primo blog su piattaforma, poi è iniziata l’avventura come sito indipendente su "Pane e Gianduia" che mi regala tante soddisfazioni.

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner