Campania Gazzetta del Vino

Kalimera di Cenatiempo: sorsi che parlano di emozioni

Provato al Vinitaly 2022, questo vino è quello che più di tutti non solo ci ha emozionato ma ha saputo parlare di territorio all’ennesima potenza. Un piccolo grande capolavoro

Kalimera di Cenatiempo di Ischia: sorsi che parlano di emozioni
Kalimera di Cenatiempo (Foto © Riccardo Isola).

Ci sono vini che sussurrano all’anima. Ci sono interpretazioni enoiche che sanno racchiudere, in un sorso, una storia, un territorio, un’emozione. Bene, tra questi c’è sicuramente il Kalimera della cantina Cenatiempo di Ischia, in località Serrara Fontana. Ben 450 metri sul livello del mare.

Alcuni vigneti dell’azienda Cenatiempo a Ischia (Foto © Malinda Sassu).

Si fa fatica a parlare di emozione quando qualcuno questa emozione non l’ha provata. Si fa presto a dire e a dare punteggi altissimi. Ma questa volta si fa fatica veramente a non riconoscere un capolavoro liquido fatto vino.

Kalimera di Cenatiempo: un vino che evoca territorio e passione

Stiamo parlando del “Kalimera” un vino evocativo nel senso geografico, etimologico, passionale del termine. “Kalimera” significa, per i greci, quel territorio ischitano ove crescono, assorbono, respirano i vigneti di Biancolella. Una denominazione di origine che è saluto beneaugurante e di risveglio.

Suolo vulcanico, ovviamente, brezza mediterranea, ovviamente, il tutto arricchito, ovviamente, da un approccio eroico del fare vitivinicoltura che guarda all’autenticità, alla fierezza e alla territorialità, seppur isolana, in modo totalizzante.

Sono approcci al contempo sulfurei e materici. Sono sferzate iodate che si insinuano a respiri di terroir autentici.

Sono poesia
Teatro
Emozione

C’è quella biodinamica, in filigrana, che lascia la grammatica gustativa sicuramente vivace, non limata ma sicuramente ritata e suadente.

C’è tecnica e tradizione, non a caso il vino fermenta e affina in tini di cemento, per qualche mese.

Kalimera di Cenatiempo di Ischia: sorsi che parlano di emozioni
L’interno della Cantina a Ischia (Foto © Cenatiempo).

Divini connubi d’arte

Che dire… solo che il Kalimera di Cenatiempo ci conduce al cospetto della “Venere di Milo” del 130 a.C., opera di Alessandro di Antiochia. Punto.

“Venere di Milo”, Alessandro di Antiochia (130 a.C.).
image_pdfimage_print

Il “Kalimera” appare subito di un giallo paglierino, intenso, quasi dorato.

Al naso c’è tanta frutta gialla e richiami d’agrume. C’è macchia mediterranea e nuance di “speleologica” esperienza.

Al sorso entra sottile, liminare, tagliente per poi allargarsi e svilupparsi come una stalattite ipogea in sentori che abbracciano anche note tropicali, acerbe. Non mancano richiami di aromatiche essenze quali timo e finocchietto selvatico. Poi arriva la sapidità, l’acidità calibrata che si allunga lasciando la bocca pulita e vogliosa di altro sorseggiare. È lungo, persistente e molto, molto, molto, molto appagante. Un vino sensuale, erotico, inebriante, vero!

Il Kalimera di Cenatiempo si abbina perfettamente con la cucina di mare ma anche con verdure e zuppe di legumi. Se vogliamo restare sul territorio, un accostamento ideale è con il “Coniglio all’Ischitana” ma non perdiamoci il piacere di degustarlo come semplice aperitivo.



Nome del Vino: Kalimera
Ischia Doc Biancolella
Zona di produzione: Comune di Serrara Fontana
Tipologia di terreno: vulcanico
Vitigno: Biancolella

Vini Cenatiempo Ischia
Via Baldassarre Cossa, 84, Ischia (NA)
Sito webFacebook

© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Riccardo Isola

Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé e purtroppo, diversi anni fa. Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna, giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner