Friuli-Venezia Giulia Gazzetta del Vino

Colli Orientali del Friuli-Venezia Giulia sempre più sostenibili: la storia della Cantina Orlando e Didonè

Produttrice di eccellenti vini biologici dal 2018, l’azienda agricola con sede a Prepotto (UD) è un esempio di micro-cantina che contribuisce alla ripresa e al futuro di un territorio

Orlando & Didonè: vini Colli Orientali Friuli-Venezia Giulia
Veduta dalla Cantina, sulle colline di Prepotto (Foto © Kevin Feragotto).

È convinzione diffusa che il Collio sia l’area vinicola di maggior pregio del Friuli-Venezia Giulia, non solo per l’innegabile qualità delle produzioni – in particolare dal lato dei “bianchi” – ma anche a seguito di una considerevole attività promozionale, intensificatasi negli ultimi anni e operata principalmente dal Consorzio di Tutela Vini Collio.

Durante il lockdown, ad esempio, l’Ente ha organizzato diversi incontri digitali con gli stakeholder oltremanica, e potenziali tali, mantenendo alta l’attenzione sui vini friulani e favorendo indirettamente l’intenzione d’acquisto, tanto che nel 2021 l’imbottigliato è cresciuto del 15% rispetto all’anno precedente.

Colli Orientali del Friuli-Venezia Giulia: un’area da scoprire

Il Collio, dunque, ha trovato nella comunicazione la chiave per oltrepassare i confini regionali e ritagliarsi uno spazio nel panorama enologico internazionale. Eppure il Friuli-Venezia Giulia, con la sua diversità paesaggistica, geologica e biologica nasconde altre zone vinicole altrettanto vocate, dove le peculiari condizioni pedoclimatiche conducono a vini intensi ed espressivi, dalla forte identità sensoriale.

Si pensi, ad esempio, ai Colli Orientali del Friuli-Venezia Giulia (COF), che si estendono dalle Prealpi Giulie fino al mare, coinvolgendo ben 14 comuni e oltre 150 cantine imbottigliatrici, i cui volumi produttivi superano gli 80.000 ettolitri di vino all’anno.

Tasting Academy del Consorzio di Tutela Vini Colli Orientali-Ramandolo

Una produzione ed un patrimonio che il Consorzio di Tutela Vini Colli Orientali-Ramandolo ora si sta impegnando a far conoscere anche grazie alla nuova Tasting Academy – con sede a Corno di Rosazzo – che consente, ad appassionati e professionisti del settore, di entrare in contatto con le realtà vitivinicole locali attraverso l’assaggio dei loro vini più rappresentativi.

Ultimamente, ad aver conquistato l’interesse di pubblico e critica, sono soprattutto le piccole aziende vinicole, sempre più attente al rispetto dell’ambiente e della salute dei consumatori. Un virtuosismo che accompagna quotidianamente Giacomo Orlando e Luca Didoné, fondatori dell’omonima Cantina di Prepotto.

I due fondatori dell’azienda. Da sx, Giacomo Orlando e Luca Didonè (Foto © Facebook).

Cantina Orlando & Didonè: vini da agricoltura biologica

Dopo aver lavorato per alcuni anni come colleghi presso un’importante azienda del territorio, Giacomo e Luca hanno maturato l’idea di dare forma e concretezza ad un sogno condiviso: mettersi in proprio, per cominciare a produrre vino secondo i propri ideali. Una scelta presa con quell’entusiasmo e quel pizzico di paura che caratterizzano ogni nuova avventura.

Ecco allora che, nella zona nota per essere la “culla” dello Schiopettino, a partire dalla rimessa di un’antica trattoria di paese e da alcuni ettari vitati in affitto – ora sono 6.5 – hanno dato inizio alla propria produzione, secondo i dettami dell’agricoltura biologica.

Le viti infatti, sono coltivate in modo estensivo e senza l’utilizzo di sostanze chimiche di sintesi; gli unici trattamenti realizzati in vigna sono a base di rame e zolfo – es. poltiglia bordolese – che, talvolta, si rendono necessari per scongiurare l’attacco dei patogeni. Camminando tra i filari inerbiti, dove crescono fiori eduli e volano insetti impollinatori, appare evidente che la devozione al biologico non è solo di facciata ma rappresenta una convinzione reale, inossidabile.

Il rispetto per i ritmi naturali non riguarda solo il “campo” ma anche la “cantina”, dove la vinificazione avviene in modo tradizionale: le uve, a maturazione fenologica raggiunta, vengono pigia-diraspate e trasferite nei tini di fermentazione in acciaio, per poi affinare in barriques di rovere francese – già al quinto/sesto passaggio, per evitare la cessione di aromi “indesiderati” e preservare le naturali qualità organolettiche del vino.

Orlando & Didonè: vini Colli Orientali Friuli-Venezia Giulia
La sala di affinamento, con poche botti di rovere francese (Foto © Kevin Feragotto).

Vini Orlando & Didonè: eleganza e rotondità

I vini bianchi, così come i rossi, vanno incontro alla fermentazione malolattica, smussando le percezioni più “spigolose” e acquisendo grande eleganza e rotondità.

Friulano 2020: un ampio ventaglio di sensazioni

Ne è un esempio il Friulano 2020 (inserito nella classifica Top Wines di SlowFood), da vecchie viti e rigorosamente non chiarificato, il cui profumo ricorda i fiori d’acacia, il miele, le scorzette di limone ma anche la mela Golden, la salvia e l’ananas ben maturo; un ampio ventaglio di sensazioni, accompagnato al palato da una morbidezza vellutata ed una fine sapidità, coadiuvata da un terreno di origine sedimentaria (flysch marnoso e arenaceo).

Orlando & Didonè: vini Colli Orientali Friuli-Venezia Giulia
Friulano 2020 e Merlot 2019 di Orlando & Didonè (Foto © Kevin Feragotto).

Merlot 2019: ottime potenzialità di invecchiamento

Una complessità ancor maggiore, invece, la ritroviamo nel Merlot 2019, in cui la lunga fermentazione a contatto con le bucce (oltre 30 giorni) e l’affinamento in tonneaux, conferiscono al vino note singolari ed emozionanti, di frutti di bosco, confettura di fragole selvatiche, pepe nero, amarene sotto-spirito, vaniglia e cioccolato fondente. In bocca, invece, risulta morbido, ampio e corposo, con una struttura che ne lascia presagire le ottime potenzialità di invecchiamento.

Pinot Grigio Ramato e Schiopettino

In aggiunta al Friulano e al Merlot, la Cantina Orlando & Didonè produce anche un convincente Pinot Grigio Ramato e uno Schiopettino, che accompagna perfettamente formaggi stagionati e piatti a base di selvaggina. Una produzione di “nicchia”, che tale vuole rimanere. Attualmente, infatti, sono solo 8.000 le bottiglie prodotte ogni anno; volumi che rendono, a tutti gli effetti, l’azienda una micro-cantina dei Colli Orientali.

In un territorio ancora troppo poco conosciuto Giacomo e Luca, che amano definirsi Vinicoltori, portano avanti con passione, serietà e studio continuo il loro progetto di vita, con la consapevolezza che il futuro della viticoltura è in armonia con l’ambiente.

Orlando & Didonè Vinicoltori
Località Craoretto, 2 – Prepotto (UD)
Sito webFacebook – Instagram

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Kevin Feragotto

Classe 1994 e friulano orgoglioso. Dal 2016 mi occupo di ricerca e comunicazione enogastronomica, all’inizio come cuoco e ora come Addetto Stampa e PR, con un Master in Food and Wine Management alle spalle. Grazie alla mia passione per la cucina ho girato il mondo, tenendo show-cooking in Asia e Medio Oriente. Realizzo Masterclass per neofiti e cultori del gusto e collaboro con alcune realtà locali per promuovere lo sviluppo del tessuto agroalimentare regionale.

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner

Vignaioli Contrari
Only Wine Festival 2024