Gazzetta del Vino Piemonte

Ruchè di Castagnole Monferrato Ferraris (2022): segno diVino e di successo

Ruchè Vigna del Parroco: storia e caratteristiche annata 2022
Grappolo di Ruchè (Foto © Ferraris).

Una Docg, relativamente giovane, ma che racconta una storia di terroir autentica ed evocativa

Quando la storia di un vino e di un territorio diventa Storia condivisa. Il tutto all’insegna della reinterpretazione della locuzione “ora et labora” in “labora et ora”. Un successo nato da una suggestione personal-pastorale, in terra piemontese, che si fa sudore, tenacia e poi sorso.

Stiamo parlando del Ruchè di Castagnole Monferrato Docg Vigna del Parroco dell’azienda Ferraris. Siamo in provincia di Asti, anzi nel suo cuore, lungo la direttrice con Alesandria. Un vitigno, il Ruché, le cui origini sono antiche; le prime testimonianze scritte risalgono, infatti, al 1700. Oggi però questa antica presenza in vigna si fa lessico enoico contemporaneo. Dal punto di vista colturale stiamo parlando di una DOCG tra le più piccole in Italia e tra le più giovani: nel 2024 compirà 14 anni.

Ruchè Vigna del Parroco: storia e caratteristiche annata 2022
Un panorama di Castignole Monferrato (Foto © Ferraris).

La storia del Ruché, nato dalle cure di un parroco di campagna

Da uva da tavola o da taglio, salvo qualche domestica testimonianza “in purezza” anche se iper zuccherina, il Ruché oggi parla una propria lingua, schietta e secca. Tutto questo grazie all’intuizione di un parroco di campagna: Don Giacomo Cauda. Classe 1927 e di famiglia contadina, Don Giacomo arriva a Castagnole Monferrato come sacerdote nel 1964. Qui trova una parrocchia con alcune vigne abbandonate. La scintilla scatta immediatamente. La liturgia richiede, al contempo, risparmio e derrate enoiche certe. E così con duro e costante lavoro, che porteranno lo stesso parroco a dichiarare: «Che Dio mi perdoni per aver a volte trascurato il mio ministero per dedicarmi anima e corpo alla vigna. Finivo la Messa, mi cambiavo in fretta e salivo sul trattore. Ma so che Dio mi ha perdonato perché con i soldi guadagnati dal vino ho creato l’oratorio e ristrutturato la canonica», inizia la storia del Ruché.

Vigna del Parroco: la prima vendemmia e la nascita dell’etichetta

Ruchè di Castagnole Monferrato Docg Vigna del Parroco
La sig.ra Chiara, moglie di Luca Ferraris (Foto © Riccardo Isola).

La prima vendemmia, quella del 1964, porta il prelato agronomo (improvvisato)-vignaiolo a realizzare 28 bottiglioni grazie alle 8 giornate e mezza di Ruchè, nell’ancora oggi esistente “Vigna del parroco”. (La giornata piemontese equivale a circa 3.810 mq). Nasce così l’etichetta alata del Ruchè Vigna del Parroco.

Superando le perplessità e le ritrosie popolane, negli anni ’80 il fenomeno Ruchè comincia a prendere consistenza. Altri produttori lo piantano e lo vinificano. Un aumento di appezzamenti vitati e bottiglie vendute, oggi siamo al milione, che nel 1987 vede arrivare la Doc. Una ventina di anni, dopo la scommessa di Don Giacomo Cauda, la proprietà del vigneto viene ceduta a Francesco Borgognone, personaggio che accompagna il Ruchè a ottenere, nel 2010, la Docg. Nel 2016 Borgognone vende l’unico vero Cru del Ruchè al giovane produttore Luca Ferraris, dell’omonima azienda (realtà famigliare nata nel 1921).

Gli antenati del Ruchè e il vino oggi

Il dna del Ruchè lo apparenta a due vitigni tipici del nord Italia, la Croatina e la Malvasia aromatica di Parma. Oggi la Docg si estende su sette comuni: Castagnole Monferrato, Montemagno, Viarigi, Refrancore, Scurzolengo, Portacomaro e Grana. Nel 2016 risultavano 136 ettari coltivati (erano 10 nel 1988), 35 aziende e oltre 700mila bottiglie prodotte contro le attuali 1,1 milioni. Il 35% del vino è esportato.

Il Ruchè è un vitigno a bacca nera. L’uva matura (solitamente, ma il climate change non aiuta) verso metà di settembre. L’acino è di media grandezza, l’uva molto zuccherina e ricca di precursori aromatici, soprattutto terpenici. Viene vinificata in rosso ottenendo un vino secco, leggermente aromatico, dal colore rosso rubino, di corpo e tannicità.

Vigna del Parroco – Docg Ruchè di Castagnole Monferrato (Foto © Riccardo Isola).
image_pdfimage_print

Alla vista il Ruchè Vigna del Parroco 2022 si presenta con il suo caratteristico e giovanile rosso rubino vivo con riflessi viola.

Al naso è un vero e proprio bouquet di note floreali rosse e viola con accenni ai frutti croccanti anche se maturi. C’è finezza nell’intensità e ricchezza di aromi, che virano sulle tensioni semi aromatiche del vitigno, che chiude sulle classiche timbriche di rosa canina.

Entra vigoroso e rotondo, esplodono sentori di prugna mature, frutti neri di sottobosco, marasca e ciliegie con terziari pepati e una “rinfrescante” nota balsamico-mentolata. Un vino che avvolge con bella struttura e tenue morbidezza. Tannini presenti ma non pressanti. Non troppo acido e muscoloso si chiude con un retrogusto aromatico molto persistente e alcolico. Un vino fortemente gastronomico che regge abbastanza bene il tempo (3/5 anni).

Abbinamenti perfetti sono quelli della cucina tradizionale piemontese, dalla caccia (cinghiale) a carni rosse importanti, molto intrigante se accostato al tartufo.



Vigna del Parroco – Docg Ruchè di Castagnole Monferrato
Nome cantina: Ferraris Agricola
Vendemmia: 2022
Uvaggio: Ruchè 100%
Zona di produzione: Castagnole Monferrato, Asti
Titolo alcolometrico: 15,5% Vol.
Temperatura di servizio: 18-20°

Ferraris Agricola
S.P. 14 Località Rivi, 7 – Castagnole Monferrato (AT)
www.ferrarisagricola.com

© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Riccardo Isola

Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé e purtroppo, diversi anni fa. Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna, giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto.

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner

Fiera del Fungo di Borgotaro