Gazzetta del Vino Toscana

Monteverro: un racconto contemporaneo della Toscana glocal

Terra di Monteverro 2019: un racconto della Toscana glocal
La Tenuta di Monteverro si trova ai piedi del borgo medievale di Capalbio (Foto © Monteverro).

Quando Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot si fondono con la dimensione italica, e toscana, del calice

Il nostro viaggio a pois nella culla dell’italica essenza vitivinicola prosegue. Siamo nell’anno domini 2019. Affacciati sul Tirreno, nella più nota Costa D’Argento. Respiriamo la salsedine, distante appena cinque chilometri da quello straordinario scrigno naturalistico chiamato Argentario.

Siamo in Terra di Monteverro, di nome e di fatto. Siamo in quella Toscana che osa, ma forse sarebbe meglio dire prosegue, a guardare all’internazionalità del suo sorso. Siamo su un pentagramma stilistico in cui timbrica territoriale, in vetro, data soprattutto dall’argilla rossa, è comunque pulsante, vibrante, autentica.

All’ombra del borgo medievale di Capalbio, nella parte più meridionale della Toscana, la grammatica enoica è quella della Maremma, tra autenticità territoriale e slancio internazionale. Stiamo parlando di una dimensione vitata che arriva a 60 ettari, a un’altezza tra 30 e 80 metri sul livello del mare, che permette al calice un’espressività minerale veramente entusiasmante.

Cantina Monteverro

La cantina Monteverro prende corpo agli inizi degli anni 2000 da un’idea di Georg Weber. Una realtà che vuole e cerca di raccontare un gusto un po’ al di fuori dei circuiti vinicoli tradizionali. Questo grazie anche a un grande e non banale lavoro in vigna che poi si rispecchia in altrettante scelte attente in cantina.

Son diverse le vendemmie che vedono semantiche enoiche parlare di eccellenza firmata Monteverro. Tra queste sicuramente spicca il capofila Monteverro, a base di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot, purtroppo non recensibile in questo articolo… ma che già si concretizzano al sorso con il “fratello minore” Terra di Monteverro (di cui abbiamo già scritto QUI in merito alle annate 2010, 2016 e 2018) . Gemello proveniente dalle stesse uve che si sviluppa su texture create da una classica cuvée in stile bordolese arricchita da un’autentica timbrica Toscana.

Terre di Monteverro 2019: identità ed eleganza

Monteverro si trova ai piedi del borgo medievale di Capalbio
Terra di Monteverro 2019 (Foto © Riccardo Isola).

C’è un dinamismo nel racconto aziendale e produttivo, che, in questa ultima fase, si arricchisce anche di un approccio stilistico e iconografico che intende puntare sempre di più su una delle essenze e delle sincronie rispecchiate tra terroir e vino: l’identità e l’eleganza. Alleggerire l’etichetta, dal punto di vista visivo, scegliendo una nobiltà del racconto tra carta e font non è una raffinatezza di dettaglio ma rappresentazione autentica dell’espressività stilistica del sorso.

Scelta di marketing che rispecchia una severa filosofia aziendale e stilistica. Dopo la selezione nei vigneti, infatti, segue un’altrettanta concreta gestione della cantina. Il tutto per un’espressività di qualità liquida e alcolica in cui emergono le caratteristiche del territorio: macchia mediterranea, espressività fruttata di bacca rossa, profondità, mineralità e avvolgenza croccante.

Il 2019 è un’annata molto importante per la cantina visto che è la prima completamente biologica di tutta la gamma. Come detto sopra ci siamo limitati ad assaggiare il Terra di Monteverro 2019, frutto di una vinificazione in acciaio e barrique, con passaggio in barrique e affinamento in bottiglia.

 

image_pdfimage_print

Alla vista si presenta con una intensa colorazione di rosso rubino impenetrabile.

Al naso esplodono sentori di violette, amarene mature, cassis, more di rovo, ginepro, alloro, felce, foglie di tabacco e cuoio. Una complessità piena ma vibrante.

Al sorso è eleganza allo stato puro. Entra compatto, fruttato, con tannini presenti ma vellutati e una sferzata erbacea fresca, sapida, con chiusura di legno e di potenza estrattiva. Lungo e avvolgente.

Si accompagna con primi importanti con ragù rossi, carni nobili, formaggi stagionati.



Terra di Monteverro
Nome cantina: Monteverro
Vendemmia: 2019
Uvaggio: Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot, Ruchè 100%
Zona di produzione: Capalbio

Monteverro
Strada Aurelia Capalbio, 11 – Capalbio (GR)
Sito web

© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Riccardo Isola

Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé e purtroppo, diversi anni fa. Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna, giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto.

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner

Vignaioli Contrari
Only Wine Festival 2024