Aziende e Prodotti

Tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi

Nella corposa e decisa cucina tipica emiliana, il TARTUFO BIANCO PREGIATO DEI COLLI BOLOGNESI è un ingrediente che esalta il sapore di ricette a base di tagliatelle, uova, patate, funghi, filetto di vitello e tanto altro. Scopriamo dove si raccoglie, quali sono le sue caratteristiche e le proprietà nutrizionali.

La natura spesso ci regala dei frutti strepitosi: il “Tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi” è uno di questi!

Tartufo-bianco-pregiato-dei-Colli-bolognesiAroma intenso e penetrante, gusto deciso, sofisticato e ricco di personalità, stimolante per la digestione ma, soprattutto, buono e capace di esaltare il sapore di molti piatti. Stiamo parlando del Tartufo un tubero spontaneo che o si ama o si odia. Non è, infatti, uno di quegli alimenti che piacciono a tutti ma, per chi lo apprezza, rappresenta un’autentica delizia, un prezioso dono della terra che va ricercato e raccolto con pazienza, passione e cura. Non a caso viene anche definito “oro nero“. Il tartufo è un fungo appartenente alla famiglia delle Tuberaceae, è composto da un corpo fruttifero ipogeo, ovvero sotterraneo, che predilige l’umidità e cresce spontaneamente in prossimità delle radici di alcune piante dette “tartufigene”, in particolare querce, pioppi, lecci o salici, con le quali stabilisce un rapporto simbiotico.

Il momento della maturazione corrisponde anche a quello in cui il tartufo sprigiona il massimo del suo profumo e ha lo scopo di attirare gli animali selvatici per spargere le spore contenute e perpetuare la specie. Un ausilio indispensabile per la ricerca del tartufo è offerto dai cani.

L’Emilia Romagna vanta diverse varietà di tartufo e diverse ricette regionali sono contraddistinte proprio da questo ingrediente che, insieme ai funghi, è anche protagonista di sagre ed altri eventi enogastronomici che richiamano migliaia di persone. Tra tali varietà, una delle più pregiate è rappresentata dal “Tartufo bianco dei colli bolognesi“.

Caratteristiche del tartufo

  • Ricco di fibre e sali minerali assorbiti dal terreno;
  • ha un effetto stimolante sulla digestione, grazie alle sue sostanze aromatiche;
  • non è eccessivamente calorico (circa 31 Kcal ogni 100 grammi);
  • interagisce con la melanina e ha la proprietà di schiarire la pelle. Pertanto, è utile per contrastare le macchie causate da accumulo di pigmento melanico mentre è sconsigliato nella fase dell’abbronzatura;
  • ha un probabile potere afrodisiaco;
  • può causare problemi al fegato e allo stomaco, in caso di uso eccessivo.

Il Tartufo bianco dei Colli bolognesi

Nella corposa e decisa cucina tipica emiliana, il Tartufo bianco dei Colli bolognesi è un ingrediente che esalta il sapore di ricette a base di tagliatelle, uova, patate, funghi, filetto di vitello e tanto altro.

Fin dall’antichità è stato eletto “Re dei tartufi” perchè è particolarmente pregiato e costoso perchè abbastanza difficile da reperire soprattutto nelle stagioni in cui la raccolta è più scarsa. Il periodo di maturazione va da settembre a dicembre, soprattutto all’ombra di nocciolo e carpino.

Zona di produzione

Sono i boschi dell’Appennino bolognese che custodiscono questo prezioso tubero ed in particolare il Tartufo bianco dei Colli bolognesi si raccoglie nei Comuni di Savigno, Camugnano e Castel di Casio. Talvolta si può rinvenire anche a Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio, Vergato, Porretta Terme, Grizzana Morandi, Castel d’Aiano, Gaggio Montano e Sasso Marconi.

Caratteristiche organolettiche del Tartufo bianco pregiato

Dopo la sua formazione il tartufo si comporta come un parassita e assorbe la linfa che la radice della pianta estrae dal terrenoe dalla stessa acquisisce profumo, sapore e colore.

Il Colore

La colorazione del tartufo bianco è variabile in base alla tipologia di piantea con cui vive e si sviluppa; può andare dal bianco a volte con venature rosate, al grigio tendente al marrone.

L’odore

Il profumo più persistente e durevole è quello dei tartufi cresciuti a contatto con la quercia, mentre quello del tiglio è più aromatico e chiaro.

Il sapore

Il sapore del Tartufo bianco pregiato è gradevole, spiccato e molto intenso e ricorda il gas metano. Sia il sapore che l’aroma si disperdono con la cottura e quindi è preferibile consumarlo crudo.

Il peso

Il peso è variabile e spazia da pochi grammi fino a 2 kg; questi ultimi sono molto rari e quindi particolarmente costosi.

Promozione del Tartufo bianco

Negli ultimi anni, i vari Comuni e soprattutto quello di Savigno si stanno molto impegnando nella promozione e tutela del Tartufo Bianco Pregiato dei Colli Bolognesi, sia a livello locale che nazionale, anche emanando delle linee guida per creare un legame indissolubile dei prodotti con i territori di produzione. Proprio il Comune di Savigno ha promosso il Marchio di Promozione e Commercializzazione del Tartufo Bianco Pregiato dei Colli Bolognesi, poi ripreso dalla Provincia di Bologna e riproposto in tutto l’ambito provinciale.

Inoltre è stata adottata una Carta di Qualità, sottoscritta da commercianti, ristoratori e tartufai, che si sono impegnati a fornire alla clientela un prodotto certificato, genuino e proposto secondo le regole della cucina tradizionale.

Dal 1989, l’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia di Bologna promuove la Tartufesta, una grande manifestazione che unisce quindici Comuni del Bolognese, fra i quali Savigno, sotto l’egida dell’aroma di Tartufo Bianco Pregiato dei Colli Bolognesi.

Tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi:
Elenco aziende produzione e Vendita  :
Contattaci se vuoi essere presente qui!

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Enzo Radunanza

Giornalista e addetto stampa, mi occupo di enogastronomia dal 2010. Nel 2019 sono stato nominato "Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna" per la mia costante attività divulgativa. Inoltre, sono copywriter e digital media marketer per varie realtà. Per tutti sono anche "Il Cronista d'assaggio".

Ricevi informazioni utili

Segui la nostra TV

Le firme

Alessandra Piubello

Lorenzo Frassoldati

Giovanni Caldara

Esplora il magazine

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner