Zuppa di castagne, fagioli, tartufo e funghi, la scelta sana dell’autunno

Ogni stagione ha i suoi frutti e la nostra creatività deve valorizzarli per ottenere piatti sani e saporiti. Con questa minestra, anche le giornate più uggiose dell’autunno non ci renderanno malinconici.

Zuppa di castagne, fagioli, tartufo e funghi, ricetta autunnale

Zuppa di castagne, fagioli, tartufo e funghi (Foto © Annamaria Virone).

L’arrivo dell’autunno porta con sé giornate più corte, un cielo dai colori aranciati e un’aria che, spesso, profuma di terra bagnata dalle piogge. Il cambio di stagione può avere effetti sul nostro stato di salute e non sono rare stanchezza, malinconia e malumore che rientrano nella cosiddetta “Sindrome da depressione autunnale”.

Questo disturbo poco conosciuto e diagnosticato, colpisce soprattutto le donne tra i 20 e 40 anni. Con la graduale riduzione delle ore di luce, l’organismo produce meno serotonina o ormone del buon umore che, a sua volta, monitora la produzione di melatonina che è un altro ormone responsabile del ritmo sonno-sveglia.

Serotonina e melatonina, gli ormoni che regalano l’umore

Serotonina e melatonina sono, quindi, entrambi regolati dalla luce e dal buio. Quando lo stimolo luminoso arriva alla retina, viene trasmesso un segnale all’epifisi, ghiandola che ne regola la secrezione, e viene inibita la produzione di melatonina mentre c’è un maggiore rilascio di serotonina. Il contrario accade con il buio che stimola il rilascio di melatonina a svantaggio della serotonina.

Dal punto di vista alimentare, i primi freddi ci inducono a consumare più cioccolato e alimenti dall’effetto eccitante sul sistema nervoso ma anche cibi calorici che possano contrastare il freddo facendo innalzare la temperatura corporea.

Spesso, però, molti alimenti fanno anche ingrassare e quindi, per evitare di accumulare chili di troppo, è opportuna una dieta sana e a base di prodotti stagionali che hanno diversi vantaggi:

  1. sono più saporiti e genuini;
  2. hanno maggiori proprietà nutritive perché, durante la naturale stagione di maturazione, i prodotti della terra contengono più vitamine, antiossidanti e microelementi, non presenti nel frutto di importazione. Pensiamo agli agrumi, ricchi di vitamina C e preziosi alleati nel periodo dei malanni;
  3. costano meno perché la loro produzione non richiede energia e serre per il processo di maturazione.

Ricetta della zuppa di castagne, fagioli, tartufo e funghi

Sicuramente dopo una giornata pesante e fredda, un piatto caldo e ricco di profumi può rinfrancare corpo e anima. A tal proposito proponiamo una gustosa, sana e deliziosa “Zuppa di castagne, fagioli e tartufo”, un piatto che possono consumare anche celiaci, vegetariani e vegani.

Zuppa di castagne, fagioli, tartufo e funghi, ricetta autunnale

La ricetta è molto facile da preparare, non ha bisogno di particolari cotture e contiene ingredienti di stagione. Il prezzo è un po’ altoper la presenza del tartufo, anche se in quantità minima.

Ingredienti per una persona

  • 50 grammi di fagioli cannellini
  • 10 castagne
  • 2 funghi champignon
  • Un mazzetto di spinaci
  • Peperoncino q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio extra vergine di oliva a crudo q.b.
  • Chiodi di garofano q.b.
  • Tartufo q.b.

Procedimento

  • La sera prima di preparare la zuppa, mettere i fagioli a bagno in acqua fredda quindi farli cuocere per circa un’ora in abbondante acqua salata
  • Nel frattempo lessare le castagne per qualche minuto, privarle della pelle e aggiungerle ai legumi. Insaporire il tutto con chiodi di garofano e peperoncino fresco. Cuocere la zuppa per circa un’ora e mezza
  • Pulire e lavare i funghi, tagliarli a listarelle, aggiungerli alla zuppa e continuare la cottura per ulteriori 30 minuti
  • Lavare gli spinaci in abbondante acqua per eliminare residui di terra e scottarli con un filo d’olio per qualche minuto in una padella antiaderente. Aggiungerli direttamente nel piatto, coprendo la minestra
  • Servire la zuppa con un filo di olio E.V.O. a crudo e qualche scaglia di tartufo fresco.

Se desiderate una zuppa più cremosa, il trucco è cuocerla a fiamma bassa per un tempo maggiore che libererà gli amidi delle castagne e i carboidrati dei legumi.

Aspetti nutrizionali della ricetta

Questa zuppa giornaliera contiene 335 kcal totali di cui:

  • 54 grammi di carboidrati
  • 7 grammi di grassi
  • 18 grammi di proteine.

I fagioli sono leguminose con un alto contenuto di proteine vegetali. Di solito vengono abbinati ai cereali per completare il loro contenuto amminoacidico, carente nei legumi.

Come componente glucidica abbiamo utilizzato le castagne, un frutto ricco di carboidrati e simile ai cereali dal punto di vista nutrizionale. Inoltre sono ricchi di fibre, vitamine, riducono il colesterolo e riequilibrano la flora batterica. Spinaci e funghi, invece, sono ortaggi dall’elevato contenuto di fibre, vitamina A, calcio e magnesio.

Un ruolo fondamentale hanno anche le spezie che, in cucina, vengono utilizzate per aggiungere sapore al nostro piatto e per ridurre l’uso del sale, nemico dei soggetti ipertesi. Da non trascurare anche le loro consistenti proprietà nutritive. I chiodi di garofano, ad esempio, hanno proprietà antiossidanti, digestive e antinfiammatorie al pari del peperoncino che è anche un vasodilatatore anticolesterolo e aiuta la digestione.

Sarebbe, infine, superfluo ricordare la preziosa fonte di grassi vegetali rappresentata dall’olio di oliva che, aggiunto a crudo, mantiene inalterate le sue proprietà antiossidanti ed i suoi benefici.

Mangiare sano si può, basta solo un po’ di fantasia!

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Annamaria Virone

Serotonina in cucina - Siciliana di nascita e senese d’adozione, abito in Toscana da qualche anno per completare i miei studi in Chimica e tecnologia farmaceutiche. Approdata al mondo culinario solo da pochi anni, mi piacerebbe continuare a studiare alimentazione e frequentare qualche corso di cucina. Sono solare, ironica e cerco di trasmettere queste mie qualità all’interno dei miei piatti dove utilizzo ingredienti della nostra terra abbino per creare piatti sani, buoni, gustosi ed anche belli da vedere. Ho una passione per il pistacchio, ingrediente che utilizzo spesso e che è protagonista della mia tesi di laurea.

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 3 Dicembre 2018

Ti potrebbero interessare: